|
napoli 2
24 settembre 2020, Aggiornato alle 15,14
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Politiche marittime

Amianto tra i marittimi, uno sportello ONA a Sorrento

L'Osservatorio nazionale amianto apre un centro nella città che dà i natali a tanta gente di mare italiana

Fibre di asbesto ingrandite a 5 nanometri

L'Osservatorio Nazionale Amianto (ONA) aprirà uno sportello a Sorrento per «tutelare presso la magistratura e nelle sedi competenti i diritti dei marittimi». Nel corso di un convegno, tenutosi sabato scorso a Piano di Sorrento, il presidente dell'associazione, Ezio Bonanni, ha stretto un accordo con il sindaco del Comune campano, Vincenzo Iaccarino.

Lo sportello opererà in una delle città d'Italia che dà i natali a parecchi marittimi, tra cui anche comandanti di navi, mercantili e passeggeri, armatori. Bonanni ha parlato di una «strage di marittimi» dietro l'esposizione di questi a polveri e fibre di amianto, anche in assenza di patologia. L'ONA registra 395 casi di mesotelioma (con decessi al 95%) di cui 40 decessi soltanto in Campania, pari all'8,3 per cento dei casi. 800 decessi per cancro polmonare, 600 casi di altri tumori delle vie aeree e gastrointestinali, di cui circa 300 decessi; 200 casi di asbestosi (asbesto è uno dei nomi per l'amianto), di cui almeno 100 mortali. Stime avvalorate anche dal VI Rapporto Mesoteliomi: l'amianto ha provocato tra i soli marittimi più di 1,600 vittime. I numeri aumentano se si tiene conto dei portuali, che sono pari a 298 casi di mesotelioma. Secondo l'ONA, il picco si verificherà tra il 2025 e il 2030. 

L'associazione ha calcolato che in Italia ci sono 40 milioni di tonnellate di materiali contenenti amianto, di cui 33 milioni di amianto compatto e 8 milioni di tonnellate di amianto friabile. Le malattie sono cancerose: mesoteliomi, carcinomi polmonari, cancro a laringe, faringe, colon; asbestosi. 

In un primo momento i marittimi si erano visti negare il riconoscimento dei diritti alla rivalutazione contributiva (ex art. 13 comma 7, legge 257/1992), con l'INPS che ne ha eccepito il prolungamento. Poi la Corte di Appello di Trieste (sentenza n. 408, 409 e 496 del 2013) ha accolto gli appelli proposti da Bonanni dal 2009, ottenendo un riconoscimento conclamato per sentenza della Corte di Cassazione (9594/2017).  

Tag: marittimi