|
adsp napoli 1
23 settembre 2022, Aggiornato alle 21,13
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Logistica

Accordo gruppi Fs ed Msc su terminal, treni e appalti

Firmato un memorandum che nei prossimi mesi sonderà le possibilità di una partnership commerciale tra Mercitalia, Medlog e Medway

(Sam LaRussa/Flickr)

Sviluppo dell'intermodalità con maggiori e più efficaci sinergie fra trasporto marittimo e ferroviario a vantaggio di una catena logistica sempre più affidabile e sostenibile. È il principale obiettivo del memorandum firmato a Ginevra tra il gruppo Ferrovie dello Stato, rappresentato dall'amministratore delegato Luigi Ferraris, Mercitalia Logistics, con l'ad Gianpiero Strisciuglio, e il gruppo Msc, di cui era presente il group chairman Gianluigi Aponte insieme al chief logistics officer di Msc e al presidente di Medlog, Giuseppe Prudente.

Il memorandum servirà a sondare una possibile partnership commerciale sul trasporto combinato marittimo, a cui dovrebbe seguire un accordo vero e proprio in cui saranno coinvolti la capofila del cargo ferroviario di FS, Mercitalia Logistics, e le società analoghe di Msc, Medway e Medlog, che si occupano rispettivamente di trasporto ferroviario e di autotrasporto, intermodalità e logistica. Questa cooperazione ha tra l'altro già sperimentato e mosso i primi passi con l'avvio nelle settimane scorse di una collaborazione nel terminal portuale di Gioia Tauro sui servizi di manovra e nel trasporto ferroviario tra Gioia Tauro l'interporto di Padova.

Le aree di attività sono principalmente tre: la gestione dei terminal, retroportuali e in-land, nazionali ed europei; la gestione del network di treni e servizi ferroviari intermodali, che potranno avvantaggiarsi anche della condivisione di specifici asset, come locomotori e carri, sia nel mercato nazionale sia in quello europeo; e infine la partecipazione congiunta a gare d'appalto.

Per Strisciuglio il memorandum consolida la presenza di Mercitalia «lungo la catena di valore della logistica e ponendo al centro, su distanze superiori ai 300, 400 chilometri, il trasporto ferroviario. È infatti un obiettivo del piano industriale di FS raddoppiare in un decennio l'attuale quota delle merci trasportate in treno, anche grazie a connessioni sempre più efficaci dei nostri porti e dei nostri terminal alla rete nazionale e ai corridoi ferroviari europei».

Secondo Prudente questa prima bozza di partership tra Msc ed FS «gioca un ruolo molto importante per lo sviluppo del nostro business, tanto per i terminal portuali e in-land che per sperimentare nuovi corridoi. In questa logica il trasporto ferroviario è un modal shift, rappresenta un nuovo modello di sviluppo del trasporto merci in Italia, per una logistica più intelligente e sostenibile per l'ambiente e per i lavoratori».

-
credito immagine in alto
 

Tag: msc - ferrovie