|
napoli 2
28 novembre 2020, Aggiornato alle 19,54
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Logistica

A Salerno il traffico rotabili resiste

Nonostante il lockdown, nel primo semestre la flessione è stata di "appena" il 2,49 per cento. De Rosa (Smet): risultato straordinario

(SMET)

Per il porto di Salerno il primo semestre 2020 si chiude con importanti segnali di recupero per il traffico ro-ro. Nonostante i mesi di lockdown, a giugno il segmento ha registrato un trend positivo, che ha permesso di chiudere la prima metà dell'anno con una contrazione contenuta, pari al 2,49 per cento, rispetto ai risultati raggiunti nel primo semestre 2019. Alla fine del mese di giugno sono state movimentate 4,027.612 unità tra mezzi pesanti e automobili, contro le 4,130.517 di unità del 2019.

Il primo semestre dei porti della Campania

Per Domenico De Rosa, amministratore delegato del Gruppo SMET, operatore logistico intermodale internazionale che opera Salerno da settant'anni, «si tratta di un risultato straordinario, poiché va inserito nel contesto di emergenza sanitaria e di forte calo dei trasporti che abbiamo vissuto nei primi mesi dell'anno e di cui vedremo le conseguenze ancora per molto tempo». Alla fine di aprile, spiega De Rosa, il segmento ro-ro a Salerno faceva registrare una contrazione del 3,66 per cento, mentre a partire da giugno «rileviamo un trend positivo, a testimonianza del fatto che la ripresa dei trasporti è già in atto».

Traffici che in futuro andranno sbarcati e imbarcati con maggiore elasticità, tra l'attività dei portuali e l'autoproduzione armatoriale. Secondo De Rosa, che è anche presidente della Commissione Autostrade del Mare di ALIS-Associazione Logistica dell'Intermodalità Sostenibile, l'emendamento sull'autoproduzione dei porti italiani, approvato il 9 luglio scorso nell'ambito della conversione in legge del Decreto Rilancio, ha ostacolato «pesantemente il ricorso all'autoproduzione nelle operazioni portuali da parte degli armatori. Mi auguro che tutto questo non comprometta la competitività dei nostri scali, generando nei fatti un passo indietro di circa trent'anni».

-
credito immagine in alto

Tag: salerno - rotabili