|
napoli 2
26 febbraio 2021, Aggiornato alle 23,32
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Politiche marittime

5 marzo sciopero dei portuali a Genova

In risposta alla lettera di diffida da 8 milioni di euro dei terminalisti all'Autorità di sistema portuale, i camalli protestano contro "la messa in discussione del lavoro nel porto"


«I terminalisti stanno mettendo in discussione e provano a far saltare tutta l'organizzazione del lavoro nel porto di Genova e sono inaccettabili anche alcuni atteggiamenti nei confronti dei dipendenti all'interno dei loro terminal». Con queste parole Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti hanno proclamato lo sciopero nel porto di Genova il 5 marzo.

Si protesta contro una lettera di diffida che i principali terminalisti dello scalo ligure avrebbero consegnato all'Autorità di sistema portuale della Liguria Occidentale chiedendo danni per 8 milioni di euro per non aver controllato a sufficienza l'attività della Compagnia unica dei portuali a partire dal 2013, l'anno degli adeguamenti tariffari versati dai terminalisti.