|
napoli 2
13 agosto 2020, Aggiornato alle 08,28
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Infrastrutture

253 milioni di lavori in corso nei porti di Napoli e Salerno

Dragaggi in entrambi i porti, una nuova stazione del Beverello a Napoli e "Porta Ovest" a Salerno. Il punto con Spirito: "Lavori rallentati dai nuovi protocolli, speriamo di riprendere il ritmo ordinario"

Il porto di Salerno (wikiwand.com)

di Paolo Bosso

Restauri, dragaggi, pontili, tunnel autostradali, una nuova scogliera, e poi di nuovo dragaggi. Sono dieci in tutto i principali lavori in corso nei porti di Napoli e Salerno, per un valore complessivo di 253,3 milioni di euro. Li riassume efficacemente l'Autorità di sistema portuale (Adsp) del Tirreno Centrale, in una pagina dedicata del sito.

Il presidente dell'Adsp, Pietro Spirito, spiega che «in linea generale, il lockdown e l'applicazione del protocollo di sicurezza sui cantieri hanno in tutta Italia rispettivamente prima bloccato per due mesi le attività e poi rallentato il programma di esecuzione dei lavori. È auspicabile che si possa riprendere il ritmo ordinario, pur in presenza delle necessarie misure di sicurezza».

Per quanto riguarda la riqualificazione del molo Beverello, i cui lavori sono iniziati a novembre 2019, Spirito spiega che «è entrata in funzione ormai da diversi mesi la biglietteria provvisoria ed è stata varata l'organizzazione che prevede ai varchi la presenza di quattro gate, affidati alla gestione di ciascuna delle compagnie presenti. Intanto sono in corso i lavori di demolizione della vecchia struttura».

Napoli
Cinque lavori in corso per ciascun porto. A Napoli il valore complessivo è di 91,2 milioni. Il grosso dei finanziamenti se li prende i dragaggi con deposito in cassa di colmata a Levante (45,6 milioni), seguito da:

riqualificazione del molo Beverello tramite connessione urbana e realizzazione di una nuova stazione marittima (17,9 milioni);

consolidamento del molo Cesario Console nella darsena Bacini (15,9 milioni);

• allestimento di un cantiere di restauro alla Immacolatella Vecchia(6 milioni);

depuratore MBR per la rete fognaria (5,8 milioni)

Salerno
La maggior parte dei fondi vanno a "Porta Ovest", il collegamento stradale diretto porto-autostrada per i mezzi pesanti (115,9 milioni), seguito da:

dragaggio delle darsene e passo marittimo di accesso (38,1 milioni);

• nuovo impianto separato idrico e antincendio (6,4 milioni);

pennello frangiflutti nel bacino Masuccio Salernitano (870 mila);

nuova scogliera a protezione dell'area di Santa Teresa (1,8 milioni).

Per quanto riguarda i contratti stipulati, le gare in corso, le rescissioni, le attività propedeutiche, le progettazioni esecutive e le validazioni, rimandiamo alle tabelle complete per Napoli e Salerno riassunte sul sito dell'Adsp.

Tag: napoli - salerno