|
Porto di Napoli
16 novembre 2018, Aggiornato alle 11,30
intersped

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Zes e nuove dogane all'assemblea Assospena

All'incontro il direttore Libeccio ed il presidente Spirito. Il nuovo assetto doganale in nove slides


Si è tenuta ieri l'assemblea ordinaria dei soci Assospena, associazione degli spedizionieri doganali, presieduta da Augusto Forges Davanzati. Nel corso dei lavori sono intervenuti il presidente dell'Autorità di sistema dei porti del Tirreno centrale, Pietro Spirito e il direttore interregionale agenzia delle Dogane, Alberto Libeccio. 
Dopo l'introduzione di Forges, del direttore dell'Ufficio Napoli 1, Renato Aragno e del direttore dell'Ufficio Napoli 2, Carmine Laudiero, ha preso la parola Spirito che ha relazionato sulle Zes, le prospettive di sviluppo per il territorio che questo istituto consente. All'incontro hanno, tra gli altri, partecipato il presidente del Propeller nazionale e locale, Umberto Masucci, il presidente del Consiglio territoriale Campania e Calabria dei doganalisti, Domenico De Crescenzo, il presidente Assoagenti, Stefano Sorrentini, il presidente Terminal Flavio Gioia, Roberto Bucci, il presidente Accsea, Ermanno Giamberini in una sala ampia e molto affollata. «Negli ultimi 10 anni sono andati via dalla Campania 53 mila laureati -ha commentato Spirito- che tra l'altro sono costati ognuno 300 mila euro» le Zes possono costituire un incentivo a restare e «se pensiamo che ogni 100 euro investiti possono attivare oltre 490 euro di cui circa 180 restano sul territorio», risulta facile capire che tipo di volano per l'economia possono rappresentare le Zes. «Sulle quali è bene ribadire -ha specificato Spirito- che l'industria manifatturiera sarà la principale, se non esclusiva attività. Quindi, no cantieristica, logistica e trasporti».
Sulla nuova organizzazione degli uffici doganali ha, invece, relazionato Libeccio. La nuova missione dell'Agenzia e il nuovo Statuto fondano innanzitutto «sulla funzione di garanzia di un presidio di sicurezza e salute dei cittadini» e tutela dei servizi finanziari. Il nuovo assetto è stato esplicitato attraverso la proiezione di slides che i lettori possono visualizzare nella nostra foto gallery e farsi un'idea, forse molto approssimativa, di come saranno le nuove dogane.