|
napoli 2
28 luglio 2021, Aggiornato alle 16,09
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Infrastrutture

Viceministra Bellanova visita i porti di Brindisi e Bari

Per l'Autorità portuale di sistema l'occasione per mostrare al governo progetti, opere e cantieri in corso anche a Manfredonia, Barletta e Monopoli

Il presidente dei porti della Puglia, Ugo Patroni Griffi, e la viceministra alle Infrastrutture, Teresa Bellanova

Visita istituzionale, oggi, della viceministra delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Teresa Bellanova, nei porti di Brindisi e Bari. Un incontro utile per mostrare al governo i progetti, le opere e i cantieri predisposti dall'Autorità di sistema portuale (Adsp) dell'Adriatico Meridionale nei cinque porti del sistema (Bari, Brindisi, Manfredonia, Barletta e Monopoli). 

Cinque le principali tematiche affrontate: dragaggi e riqualificazione a Brindisi; alti fondali a Manfredonia; cold ironing a Bari e Brindisi; rifunzionalizzazione urbana del porto di Bari; infine, riqualificazione di Barletta.
 
Entrando nello specifico, per il porto di Brindisi sono in corso il banchinamento della zona di Capobianco con annessi dragaggi fino a 12 metri di profondità; banchinamento e colmata tra il pontile petrolchimico e Costa Morena Est; accosti per i traghetti e i ro-ro a Sant'Apollinare; ampliamento del terminal passeggeri di Costa Morena Punta delle Terrare; potenziamento degli ormeggi ro-ro a Costa Morena Est; realizzazione di un pontile con briccole.

A Bellanova è stata anche presentata la zona franca doganale di Capobianco. «Un punto franco non solo in senso doganale  ma anche affrancato dai limiti e dalle interferenze che condizionano le altre aree del porto di Brindisi. Un porto nuovo per un breve deal economico», ha detto il presidente dell'Adsp, Ugo Patroni Griffi.

Per il porto di Manfredonia si prevede la ristrutturazione e la rifunzionalizzazione del molo alti fondali.

Per il porto di Bari il focus è sulle interazioni porto-città: Parco del Castello, riconnessione Castello-porto; riqualificazione del Molo San Cataldo; potenziamento della sede logistica delle Capitanerie di Porto; lavori di realizzazione di un terminal passeggeri sulla banchina 10; interventi di movimentazione dei sedimenti all'interno del bacino portuale; lavori di rimodulazione e nuova configurazione dei varchi carrabili e pedonali della port facility molo San Vito extra-Schengen e adeguamento della viabilità; lavori di realizzazione di torri faro sui piazzali retrostanti le banchine operative della Darsena di Levante; realizzazione di un dente di attracco alla banchina "Capitaneria" nella darsena interna molo San Vito.

Infine, nel porto di Barletta: lavori di prolungamento dei moli foranei  le previsioni del vigente Piano Regolatore Portuale; lavori di manutenzione dei fondali nei pressi dell'imboccatura del porto per il ripristino delle quote preesistenti.

Una rappresentanza dei cluster marittimi, in due momenti diversi, ha potuto illustrare a Bellanova aspettative e idee per migliorare l'operatività degli scali, oltre a sottolinearne le eccellenze.  

«Al termine della visita – si legge in una nota dell'autorità portuale - è emersa la necessità di procedere speditamente con la cantierizzazione delle opere. In tal senso la viceministra si è detta pronta ad esperire tutte le azioni utili perché non si perda ulteriore tempo che rischierebbe di vanificare gli sforzi profusi per intercettare i finanziamenti e di bloccare pericolosamente lo sviluppo infrastrutturale dei porti nel medio lungo periodo». 

Bellanova «molto presto – ha concluso Patroni Griffi - ci ha promesso che tornerà per una visita negli  altri tre porti del network. Abbiamo al nostro fianco un'alleata forte e competente che, siamo certi, non farà mancare il proprio sostegno alle istanze dei porti e delle aree retroportuali che fanno capo alla nostra Adsp».

Tag: bari