|
napoli 2
13 settembre 2019, Aggiornato alle 12,39
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Click&Boat 2
Infrastrutture

Valencia cresce, Barcellona no. Porti spagnoli tirano le somme dei primi sette mesi

Nel bilancio del traffico complessivo, entrambi gli scali mediterranei hanno comunque registrato un incremento nel settore passeggeri

Porto di Valencia

Bene Valencia, stabile Barcellona. Questo in sintesi il bilancio del traffico complessivo registrato nei due importanti scali iberici nel corso dei primi sette mesi del 2019. Nel periodo gennaio-luglio il porto di Valencia comunica di aver movimentato un totale di 44,16 milioni di tonnellate di merci (+7%), con una movimentazione di contenitori pari a 3,20 milioni di teu (+9,3%). Le merci convenzionali sono aumentate del 2,9%, mentre le rinfuse liquide hanno segnato una riduzione del 16,5% e le rinfuse solide hanno perso il 26,8%. I passeggeri sono stati complessivamente 537mila (+2%), di cui 221 mila nel comparto delle crociere (+17,8%) e 316mila in quello dei traghetti (-6,7%).

Nei primi sette mesi di quest'anno il porto di Barcellona ha movimentato complessivamente 39,61 milioni di tonnellate di merci, che si traduce in una lieve progressione dello 0,2% sullo stesso periodo dello scorso anno, con una movimentazione di container pari a 2,01 milioni di teu (+2,8%). Le merci convenzionali si sono ridotte del 2%, invece le rinfuse liquide hanno guadagnato l'1,9% e le rinfuse solide addirittura il 42,3%. Per quanto riguarda i passeggeri, lo scalo ha registrato un incremento del 3,4%, con 1,63 milioni di crocieristi (+2,1%) e 804mila passeggeri dei traghetti (+6,4%).
 

Tag: porti - bilanci