|
napoli 2
17 ottobre 2021, Aggiornato alle 18,14
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Logistica

Vaccini, INAIL classifica i trasportatori in priorità 1

A partire da giugno 600 mila impiegati della logistica potranno essere vaccinati sui luoghi di lavoro, sulla base della nuova lista Ateco. Di Caterina (ALIS): "Lavoratori essenziali"

(Baltimore County Government/Flickr)

Un nuovo documento elaborato dall'INAIL insieme ai ministeri del Lavoro e della Salute, alla Conferenza delle Regioni, alle Province autonome e alla struttura di supporto alle attività del commissario straordinario per l'emergenza, fornisce nuovi criteri di somministrazione dei vaccini sui luoghi di lavoro. Tra questi, sono inclusi prioritariamente la categoria dei trasportatori.

Si tratta di una lista con i settori produttivi che potranno vaccinare i propri impiegati a partire tra giugno sulla base di tre classi. In tutto una novantina di voci individuate attraverso i codici Ateco, classificati secondo il rischio di contagio. Tra quelli più esposti figurano la manifattura, il commercio, i ristoratori e i trasportatori. Si attribuisce la classe di priorità 1 agli oltre 600 mila che operano nel trasporto terrestre, marittimo e aereo, così com'è stato per gli operatori sanitari e le forze dell'ordine. Il documento verrà licenziato il 20 maggio.

«ALIS aveva chiesto al governo Draghi di riconoscere gli operatori del trasporto e della logistica tra le categorie prioritarie, considerato il ruolo essenziale svolto fin dall'inizio dell'emergenza garantendo la regolare continuità degli approvvigionamenti nell'intero Paese. Siamo quindi soddisfatti che il nuovo documento tecnico-operativo per le vaccinazioni anti-Covid pubblicato dall'INAIL abbia accolto il nostro appello», commenta il vicepresidente e direttore generale di ALIS, Marcello Di Caterina, che ringrazia il governo «per lo stato di avanzamento della campagna vaccinale e per aver colto un'esigenza importante per tanti lavoratori che operano incessantemente nei trasporti, ma anche nella grande distribuzione, nei supermercati e nel commercio al dettaglio. Condividiamo inoltre le parole espresse dal ministro Orlando che ha sottolineato come tali lavoratori abbiano contribuito in questi mesi di emergenza sanitaria a non far fermare il Paese nei settori essenziali».

-
credito immagine in alto

Tag: alis - vaccino