|
napoli 2
20 giugno 2021, Aggiornato alle 14,44
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Armatori - Infrastrutture

Turku, float out della cruiser a gas Costa Toscana

Nei cantieri finlandesi di Meyer Werft varo tecnico per la seconda unità di Costa Crociere spinta dal gas naturale liquefatto

Costa Toscana in bacino nel cantiere Meyer Werft a Turku, in Finlandia

Costa Crociere ha celebrato oggi il varo tecnico della nuova ammiraglia Costa Toscana, presso i cantieri Meyer di Turku, in Finlandia.

Durante la cerimonia del varo tecnico, Costa Toscana ha ufficialmente toccato il mare per la prima volta, con l'allagamento del bacino dove ha preso forma negli ultimi mesi. Entrerà in servizio a dicembre 2021, una volta completato l'allestimento degli interni. Farà il suo debutto in Brasile nella stagione 2021-22 con una crociera inaugurale di Capodanno con partenza da Santos il 26 dicembre 2021. Dal 2 gennaio al 10 aprile 2022 Costa Toscana proporrà altre 15 crociere con lo stesso itinerario, con imbarco a Santos e Salvador. Le 15 crociere comprendono anche la partenza di Carnevale e quella di Pasqua, che sarà l'ultima crociera della nave prima della traversata Brasile-Italia, con partenza da Santos il 17 aprile 2022.

Come la sua gemella Costa Smeralda, è alimentata a gas naturale liquefatto. Il Gruppo Costa – che comprende Costa Crociere, AIDA Cruises e Costa Asia - è stato il primo al mondo nel settore delle crociere a investire in questo tipo di propulsione, ordinando ad oggi 5 nuove navi alimentate a LNG, di cui due, Costa Smeralda e AIDAnova, già entrate in servizio. Fanno parte di un piano di espansione che comprende un totale di sette nuove navi in consegna entro il 2023, per un investimento complessivo di oltre sei miliardi di euro.

«Nonostante lo scenario attuale sia ancora complicato, il Gruppo Costa sta confermando gli investimenti per l'espansione della sua flotta», ha commentato Mario Zanetti, Chief Commercial Officer di Costa Crociere e direttore generale di Costa Group Asia. «Siamo fiduciosi – continua - nella ripresa del nostro settore e siamo entusiasti dell'arrivo di nuove navi come Costa Toscana, che rappresenta al meglio gli elementi su cui vogliamo puntare per il futuro. Oltre alla tecnologia LNG, stiamo sviluppando anche altre soluzioni innovative, come l'alimentazione delle navi da terra durante la sosta in porto e le batterie, che consentano di avvicinarci con il tempo all'obiettivo delle emissioni zero». «Nei prossimi mesi la nave sarà ormeggiata in banchina per completare gli interni, effettuerà le prove in mare in autunno e sarà quindi pronta per la consegna», ha aggiunto Tim Meyer, CEO di Meyer Turku.

Il gas naturale liquedatto elimina quasi totalmente l'immissione in atmosfera di ossidi di zolfo e particolato (tra il 95 e il 100 per cento in meno rispetto al bunker), abbassando significativamente anche le emissioni di ossido di azoto (-85%) e di CO2 (-20%). L'intero fabbisogno giornaliero di acqua della nave sarà soddisfatto trasformando quella del mare tramite l'utilizzo di dissalatori. Il consumo energetico sarà ridotto al minimo grazie a un sistema di efficientamento energetico intelligente. Inoltre, a bordo la raccolta differenziata di plastica, carta, vetro e alluminio sarà totale.