|
napoli 2
07 luglio 2020, Aggiornato alle 13,42
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Infrastrutture

Tap, FederPetroli: "Se il gasdotto non si fa, pronti ad azione risarcimento danni"

Il presidente Marsiglia sottolinea che già oggi il danno per ritardi "ha una quantificazione di importi elevatissimi"


"Se il gasdotto non si farà, siamo pronti ad avviare un'azione di risarcimento danni". Lo afferma con decisione il presidente di FederPetroli, Michele Marsiglia, che interviene in merito alla complicata vicenda della realizzazione del Gasdotto Trans Adriatic Pipeline (TAP).

"È da anni - sottolinea Marsiglia - che stiamo investendo e le aziende continuano a spendere denaro per gare ed offerte per diversi tratti del gasdotto, non ci interessano le penali contrattuali vere o fasulle, se il gasdotto non si realizza, ci faremo promotori in un'azione legale di risarcimento danni nei confronti dell'Istituzione e di chi è responsabile dello stop a questo progetto, organizzando un pool di aziende coinvolte nelle gare internazionali indette per i diversi tratti del Tap".

"Questa volta – continua Marsiglia – il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ed il ministro dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio sono stati chiari. Non è solo un discorso puramente politico, la mancata realizzazione del gasdotto Tap è qualcosa che va a sconvolgere i piani industriali di compagnie ed aziende dell'Oil & Gas che per anni hanno concorso al buon esito di questo progetto di rilevanza strategica internazionale. Il danno già ad oggi per ritardi ed altro ha una quantificazione di importi elevatissimi, per non parlare di aziende che hanno rinunciato in corso d'opera per le lungaggini che si sono susseguite". 

"Anni fa l'Italia ha avuto già una triste storia con la questione della British Gas, che dopo anni e circa 250 milioni di euro investiti ha abbandonato l'Italia. Qui si sta parlando di un punto di approdo di un gasdotto di rilevanza strategica internazionale – conclude il presidente di FederPetroli – dove i rapporti commerciali esteri si potrebbero compromettere in pochissimo tempo".
 

Tag: ambiente