|
napoli 2
05 agosto 2021, Aggiornato alle 18,07
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Infrastrutture

Tankoa vorrebbe acquisire i Cantieri di Pisa

Operazione da 15 milioni di euro per rilanciare lo stabilimento toscano, permettendo al cantiere genovese di allargarsi al mercato dei 30 metri

(Edward Weston/Flickr)

La Tankoa Yachts sarebbe pronta ad acquisire i Cantieri di Pisa. Come ha spiegato l'amministratore delegato  del cantiere di Genova, Vincenzo Poerio, l'obiettivo «è far crescere Tankoa, costruendo qualche unità a Pisa, visto che a Genova c'è posto solo per realizzarne due alla volta, e far ripartire il marchio Cantieri di Pisa, che è un bel marchio, ritirarlo su come avevo fatto per Benetti quando lavoravo per Vitelli in Azimut Benetti».

Attualmente si è in fase di due diligence e Tankoa si è detta pronta a investire fino a 15 milioni per acquisire e ristutturare il cantiere toscano. Le parti contano di chiudere l'interlocuzione entro maggio con il marchio Cantieri di Pisa che non verrebbe assorbito ma continuerebbe a produrre autonomamente le sue unità tra i 30 e i 45 metri mentre Tankoa opera sopra i 45. In altre parole, per Tankoa l'operazione gli allargherebbe il mercato. Poerio spiega che a Genova lo stabilimento è piccolo, «stretto fra Fincantieri e alcuni riparatori di piccole barche. Per crescere abbiamo iniziato a guardare all'area del distretto toscano e ho trovato Cantieri di Pisa».

«Ci hanno dato un subentro per 20 anni più 15, ma i costi di una concessione in quest'area sono molto più alti che altrove, una disparità che incide sulla competitività», sottolinea Poerio, che conclude affermando che «l'obiettivo non è spostare Tankoa. Ma se fra 5 anni ci renderemo conto che per ottimizzare sarà meglio trasferire tutto a Pisa lo faremo. A meno che non arrivino risposte per crescere qui: se potessimo accordarci con Fincantieri per uno spazio di 7 mila metri quadri basterebbe». Il 2020, intanto, si è chiuso con una perdita di poco più di un milione ma, conclude l'ad, «contrariamente alle cose che sento dire, penso che anche quando si va male bisogna investire per andare bene».

-
credito immagine in alto

Tag: nautica