|
napoli 2
18 giugno 2021, Aggiornato alle 17,30
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Infrastrutture

Sicurezza, nel porto di Barletta l'associazione Anglat deve traslocare

La sede del sodalizio è pericolosamente vicina al deposito di carburanti IP-API


La presenza della sede dell'associazione Anglat Sport Insieme all'interno del porto di Barletta non è oggettivamente compatibile con i profili di sicurezza in primo luogo degli stessi associati, nonché di tutti coloro che operano all'interno dell'area portuale. In occasione della redazione del Piano di Emergenza Esterna (PEE) per stabilimenti a rischio incidente rilevante del deposito IP-API all'interno del porto di Barletta, approvato in questi giorni dalla Prefettura di Barletta Andria Trani, è emersa l'incompatibilità della sede dell'Anglat, proprio a due passi dal deposito di carburanti che determina un intuibile ed elevato rischio. 

Per tali ragioni, da subito l'Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale, assieme alla Prefettura di Barletta Andria e Trani, al Comune di Barletta ed alla Capitaneria di Porto si sono adoperati per individuare soluzioni alternative, dove garantire la prosecuzione delle meritorie attività dell'associazione. Nel corso di una riunione tenutasi presso la sede del palazzo del governo lo scorso 28 aprile, l'ente portuale, proprio a tutela della sicurezza delle persone che abitualmente frequentano l'associazione, aveva proposto il manufatto ex Cap Ruggiero, di circa 70 mq, ubicato nelle adiacenze del moletto pescatori e che dispone di un ampio piazzale, dove, peraltro, non vi è alcun pregiudizio amministrativo rispetto all'eventuale installazione di un nuovo pontile a mare. Tale proposta fu subito accolta favorevolmente dagli esponenti dell'Anglat. 

La stessa Autorità di Sistema Portuale si era, altresì, impegnata ad effettuare, a proprie spese e cura, un intervento di pulizia straordinaria della struttura e a concedere, su eventuale richiesta, l'occupazione anticipata dell'immobile, assicurando, finanche, la possibilità di autorizzare, su istanza dell'Anglat, l'utilizzo del pontile installato sulla banchina n.1, sino alla realizzazione della nuova struttura, al fine di non limitare in alcun modo l'importante attività sino ad oggi svolta.

Dopo aver in un primo momento condiviso tale percorso, tuttavia, l'associazione ha contestato la necessità di dover cambiare sede, ritenendo le condizioni di criticità preesistenti e quindi, di fatto, riconoscendone l'esistenza. In ragione del prioritario interesse pubblico legato ad inderogabili ed improcrastinabili esigenze di sicurezza, gli organi preposti hanno dunque revocato la licenza all'associazione.

"Sono certo che anche i responsabili dell'Associazione tengano alla sicurezza dei loro iscritti proprio quanto teniamo noi e tutti i gli altri soggetti competenti che hanno certificato l'assoluta incompatibilità della compresenza nella stessa area della sede dell'Anglat e dei depositi IP-API- commenta il presidente di AdSPMAM Ugo Patroni Griffi. Garantire la sicurezza delle persone, a maggior ragione se diversamente abili, è un dovere imprescindibile e una priorità fondamentale. Abbiamo tutti, ancora, le lacrime agli occhi per quanto accaduto alla Funivia Stresa Mottarone. Una tragedia che insegna che mai nulla deve essere lasciato al caso, trascurato, non curato, non controllato, non valutato. L'AdSP si fa parte diligente per individuare ulteriori ipotesi di diversa localizzazione, in condizioni di sicurezza, che possano essere accolte dall'associazione. La strada del dialogo e della condivisione è l'unico strumento in grado di portare ai risultati migliori".
 

Tag: porti