|
napoli 2
25 settembre 2020, Aggiornato alle 17,23
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Infrastrutture

Sestri Ponente, Fincantieri punta ad un bacino di 350 metri

La società cantieristica vorrebbe potenziare il progetto di "ribaltamento a mare" per nuove attività logistiche


Potrebbe essere rivisto e potenziato l'originale progetto di "ribaltamento a mare" per dotare di nuovi spazi lo stabilimento Fincantieri di Sestri Ponente. Lo ha spiegato il direttore del cantiere ligure Paolo Capobianco, in occasione di un convegno organizzato a Genova dal Propeller Club.

 

"Al momento - ha detto Capobianco – abbiamo lavoro fino al 2024, grazie alle commesse ricevute dagli armatori del settore luxury, che operano navi di piccole dimensioni, ma il nostro cantiere può costruire unità con una stazza massima di 110 mila tonnellate, limite che ci taglia fuori da una consistente fetta di mercato".


Fincantieri ha quindi deciso di rivedere il progetto del ribaltamento, che in origine prevedeva solo la creazione di nuovi piazzali per attività logistiche: "La nostra intenzione - ha precisato Capobianco - è quella di realizzare un nuovo bacino lungo 350 metri e largo 50, che ci consentirebbe di costruire navi da crociera con stazza fino a 150 mila tonnellate, rendendo il cantiere molto più competitivo sul mercato internazionale. Noi ci crediamo - ha concluso il direttore dello stabilimento di Sestri – speriamo che anche le istituzioni facciano altrettanto".