|
napoli 2
23 giugno 2021, Aggiornato alle 19,08
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Politiche marittime

Servizi portuali, Ue apre procedura d'infrazione contro l'Italia

Insieme a Slovenia e Croazia, la Commissione europea contesta il mancato obbligo di notifica nel sistema di regolamento condiviso dagli Stati membri

(Dennis Jarvis/Flickr)

La Commissione europea ha aperto una procedura di infrazione contro l'Italia per non aver rispettato alcuni obblighi di notifica del regolamento sui servizi portuali. Lo rende noto l'Ansa.

Si tratta del regolamento che obbliga gli Stati membri a precise procedure sui reclami, al fine di garantire agli utenti dei porti una corretta informazione sulle autorità competenti di riferimento. In breve, si contesta un cattivo funzionamento del sistema di controllo e sanzionamento da parte delle autorità competenti. Italia, Croazia e Slovenia, secondo la Commissione, non hanno seguito in alcuni casi in modo corretto questi obblighi di notifica e ora hanno due mesi di tempo per rispondere ai rilievi sollevati. Nel caso in cui la risposta degli Stati non sia soddisfacente, si passa alla fase successiva, che non è ancora una sanzione ma la richiesta di un parere motivato.

Il regolamento Ue sui servizi portuali, spiega la Commissione, è nato per «creare condizioni di parità nel settore, fornire certezza giuridica agli operatori e creare un clima più favorevole per l'efficienza degli investimenti pubblici e privati».