|
napoli 2
02 dicembre 2021, Aggiornato alle 13,27
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Personaggi

Scompare Eugenio Duca, deputato esperto di shipping

Responsabile nazionale per l'economia del mare con i Democratici di Sinistra, è stato sostenitore della legge 51 del 2001 per la prevenzione all'inquinamento e il controllo del traffico marittimo

Eugenio Duca (corriereadriatico.it)

A 71 anni, ad Ancona, colpito da un infarto, scompare una figura di riferimento del mondo marittimo, l'ex parlamentare dell'Ulivo Eugenio Duca.

Esperto conoscitore delle infrastrutture, soprattutto in campo portuale e marittimo, si forma nei sindacati delle ferrovie. Dal 1978 al 1983 la partecipazione alla Commissione permanente marittima della Camera di Commercio. Consigliere comunale di Ancona dal 1983 al 1997. Nel 1994 l'ingresso in Parlamento, alla Camera, con l'Alleanza dei progressisti. Nel 1996 il passaggio all'Ulivo. Nei Democratici di Sinistra, dove partecipava al consiglio nazionale, è stato responsabile nazionale per l'economia marittima portuale. Nel 2009 la candidatura sindaco di Ancona con la lista "Sinistra – per Ancona", ottenendo il 5,9 per cento delle preferenze.

Il presidente di Confitarma, Mario Mattioli, ricorda «il suo forte impegno nel 2001 a sostegno della legge, approvata all'unanimità dai due rami del Parlamento, per interventi in materia di prevenzione dell'inquinamento derivante dal trasporto marittimo di idrocarburi e di controllo del traffico, dimostrando la sua sensibilità nei confronti del settore marittimo». 

La legge è la numero 51 del 2001, un provvedimento che ha in parte anticipato alcune prassi oggi internazionali nello shipping. Introdusse un meccanismo volontario di incentivazione alla demolizione delle navi cisterna a scafo singolo, di bandiera italiana, con più di venti anni di età. Inoltre vieta l'iscrizione nei registri italiani di navi analoghe di bandiera estera, introduce misure sui controllo degli spazi marittimi di interesse nazionale e di comunicazione per la sicurezza in mare; rende operativi i sistemi Vessel Traffic Service (VTS) e Global Maritime Distress and Safety System (GMDSS). 

«Un uomo che ha dato un importante contributo al settore dei porti anche grazie alla sua vasta conoscenza dei temi legati all'economia del mare. Una dolorosa perdita per tutto il cluster marittimo-portuale», commenta il presidente di Assoporti, Rodolfo Giampieri.

Infine, l'Associazione Nazionale Compagnie Imprese Portuali (ANCIP) ne ricorda «la coerenza nel combattere a favore dei lavoratori e della imprenditoria seria, la sua tenacia e perseveranza nell'elaborare proporre e difendere i provvedimenti di legge utili a migliorare il sistema trasportistico italiano e nel contempo garantire qualità e sicurezza del lavoro, ha consentito a decine di migliaia di lavoratori di avere dignità e rispetto».

-
credito immagine in alto

Tag: lutto