|
napoli 2
30 novembre 2020, Aggiornato alle 20,13
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Armatori

Royal Caribbean perde il 93 per cento dei ricavi

Secondo trimestre, senza passeggeri e in pieno lockdown, segna un quasi azzeramento di bilancio, a fronte di spese di gestione che arrivano fino a 290 milioni di dollari al mese


Nel secondo trimestre di quest'anno, quello in pieno lockdown, Royal Caribbean Group ha riportato a una perdita dei ricavi del 93,7 per cento.

I ricavi della compagnia crocieristica statunitense, le cui navi sono ferme dal 13 marzo, e lo saranno perlomeno fino al 31 ottobre, sono stati pari a 175,6 milioni di dollari, a fronte di spese pari a 680,4 milioni. Si tratta di un armatore che ogni mese ha un flusso di spese che oscilla tra i 250 e i 290 milioni. In questo secondo trimestre il risultato operativo è negativo per 1,28 miliardi, rispetto un utile operativo di 573,6 milioni del secondo trimestre 2019.

Tra aprile e giugno dell'anno scorso Royal Caribbean ha trasportato 1,66 milioni di persone. Quest'anno, nello stesso periodo, quasi nessuna. La perdita rettificata per azione è pari a 6,13 dollari, più alta della stima dello consensus estimate - fornito da Zacks - che prevedeva una perdita di 4,71 dollari.