|
napoli 2
17 ottobre 2021, Aggiornato alle 18,14
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Armatori

Procura Cagliari chiude indagine su Delcomar

Gli atti a disposizione della difesa. Il pm deciderà o meno di chiedere il rinvio a giudizio dopo il sequestro di due navi a metà marzo


Si chiude l'indagine sulla compagnia marittima sarda Delcomar. Lo ha deciso la Procura di Cagliari. Ora gli atti passano  alla difesa, prima della richiesta o meno del pm Giangiacomo Pilia di chiedere il rinvio a giudizio.

Delcomar effettua servizi di collegamento marittimo tra La Maddalena e Palu, Porto Torres e Asinara, Carloforte e Calasetta, Carloforte e Portovesme.

L'inchiesta ha portato al sequestro, a metà marzo, di due traghetti e al blocco di beni complessivi per 64 milioni di euro. Due gli imprenditori indagati, amministratori della Delcomar, insieme a un'altra società correlata, DelcoServizi. La contestazione di reato riguarda la sicurezza delle navi, l'accessibilità dei disabili in particolare, e irregolarità nell'aggiudiazione di un bando gara. All'ipotesi i reati di concorso in truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, turbata libertà degli incanti, frode nelle pubbliche forniture, falso in atto pubblico e attentato alla sicurezza dei trasporti.

L'indagine è iniziata nel 2019 da parte della Guardia di Finanza e riguarda principalmente una gara per collegare la Sardegna alle isole di San Pietro e La Maddalena, aggiudicata dalla Regione Sardegna nel 2016 per un servizio della durata di sei anni pari a un importo di poco più di 70 milioni, con un'opzione per un'estensione fino a 9 anni, per un totale di 104 milioni. In poche parole, i traghetti sequestrati, secondo la Guardia di Finanza, non sarebbero idoenei alla navigazione e pertanto non avrebbero potuto permettere l'aggiudicazione della gara.

Dall'indagine viene contestata anche la sostituzione non autorizzata del traghetto designato sulla Carloforte-Portovesme e sulla Carloforte-Calasetta. I contributi complessivi indebiti ipotizzati sono pari a poco più di 54 milioni, percepiti tra il 2016 e il 2020.
 

Tag: sardegna