|
napoli 2
11 agosto 2020, Aggiornato alle 12,47
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Politiche marittime

Porto di Venezia sospende i canoni di concessione

Circolare a tutte le aziende del sistema portuale che include anche Chioggia. Possibilità di stoppare i pagamenti fino al 30 settembre

Pino Musolino

Dopo quello di Bari, anche l'Autorità di sistema portuale applica i provvedimenti del "Cura Italia", che stabiliscono per i porti la sospensione dei canoni demaniali e delle tasse di ancoraggio. L'authority veneta ha emanato una circolare rivolta a tutte le aziende concessionarie dei porti di Venezia e di Chioggia per comunicare la possibilità di sospendere il pagamento dei canoni demaniali fino al 30 settembre, come previsto dall'art. 92 co. 2 del decreto legge18/2020.

Il presidente dell'Adsp, Pino Musolino, ha detto che «in questo periodo di emergenza gli amministratori pubblici sono chiamati a fare uno sforzo in più per alleviare le difficoltà di lavoratori e aziende e per sostenere il sistema produttivo nel suo complesso. Il provvedimento rappresenta una delle prime azioni messe in pratica per concedere un sostegno alle imprese, che si trovano in queste settimane a dover far fronte ai costi addizionali delle misure di sicurezza per il personale e a una flessione dei traffici e degli ordinativi, e, conseguentemente, per salvaguardare i posti di lavoro».

Musolino ha sottolineato che il porto non ha mai smesso di garantire l'approvvigionamento di prodotti e materie prime, oltre a tutti i materiali utili per gli ospedali. «Ringrazio - ha detto - tutte le oltre 1,200 aziende insediate a Venezia e a Chioggia e gli oltre 21 mila lavoratori che gravitano attorno ai nostri scali per la professionalità e lo spirito di sacrificio che dimostrano quotidianamente. Avremo bisogno di tutte le nostre risorse quando, al termine del lockdown, dovremo contribuire a rimettere sulle sue gambe e poi far correre il sistema industriale italiano».