|
napoli 2
23 ottobre 2021, Aggiornato alle 18,41
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Politiche marittime

Porto di Venezia rimanda approvazione residui e passivi 2020

Lo hanno chiesto e ottenuto la Città Metropolitana e la Regione. Determinato l'organico dei portuali per entrambi i porti dell'Autorità di sistema

Uno scorcio serale del porto di Venezia (Xenja Santarelli/Flickr)

Rinviati alla prossima riunione l'approvazione della variazione ai residui e passivi e il rendiconto generale all'esercizio finanziario 2020. Lo hanno chiesto e ottenuto i rappresentanti della Città Metropolitana di Venezia, Fabrizio Giri, e della Regione Veneto, Maria Rosaria Anna Campitelli, nel corso della riunione del Comitato di gestione dell'Autorità di sistema portuale (Adsp) dell'Adriatico Settentrionale, riunitosi oggi.

La richiesta è stata motivata «dalla volontà di approfondimento – si legge in una nota - delle poste in bilancio connesse all'esecuzione del contratto tra Adsp e la società Venice.Ro.Port.Mos  in riferimento all'atto aggiuntivo del 2020 e ai pareri formulati dall'Avvocatura dello Stato.
 
Nel corso della seduta, sono stati inoltre decisi il numero massimo di autorizzazioni di attività di impresa portuale e di fornitura di servizi specialistici da rilasciarsi per quest'anno. Verrà incrementato di un'unità per le imprese concessionarie di banchina che movimentano merci conto terzi. Resta invece massimo tre le autorizzazioni per le imprese non concessionarie, e salgono a sei quelle per le attività di trasporto di rinfuse e colli eccezionali.
 
Portuali
Sono stati inoltre determinati l'organico della Nuova Compagnia Lavoratori Portuali (ex art. 17) nel Porto di Venezia e quella dei portuali di Chioggia (29 unità). È stata decisa la verifica annuale delle concessioni e l'attuazione degli investimenti previsti.

A seguire, il Comitato ha deciso l'analisi del piano dell'organico per i porti di Venezia e Chioggia, rendicondando in merito agli interventi messi in campo in materia di formazione specializzante a supporto dei lavoratori di alcune aziende terminaliste.

In conclusione dei lavori, il Comitato di gestione ha espresso parere positivo al rilascio di due concessioni infraquadriennali rilasciate alla società Arkema, il cui stabilimento di Porto Marghera impiega circa una cinquantina di dipendenti, con una capacità produttiva di circa 100 mila tonnellate; e alla società Italgas Reti per dar corso ad un cantiere programmato per il rifacimento dei tratti di emersione della rete.

-
credito immagine in alto

Tag: venezia - bilancio