|
Porto di Napoli
19 ottobre 2018, Aggiornato alle 16,32
intersped

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Infrastrutture

Porto di Trieste, 70 milioni per potenziare la linea ferroviaria

Per gli interventi, l'Authority portuale ha siglato un protocollo d'intesa con la Regione Friuli Venezia Giulia e con Rfi


È stato firmato ieri a Roma da Regione Friuli Venezia Giulia, Rete ferroviaria italiana e porto di Trieste un protocollo d'intesa che punta a migliorare i collegamenti ferroviari da e per lo scalo giuliano, aumentare la quota del traffico merci su nave e ferro e garantire un autentico trasporto cargo intermodale e sostenibile da e verso i mercati del resto d'Europa e del Mediterraneo.


Il documento è stato sottoscritto dal presidente della Regione, Debora Serracchiani, da Zeno D'Agostino, presidente dell'Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale e da Maurizio Gentile, amministratore delegato e direttore generale di Rfi.

L'accordo consentirà di potenziare il collegamento con la rete ferroviaria nazionale, che interessa il nuovo Piano Regolatore dell'area di Campo Marzio e la connessione con le aree portuali del Punto Franco Nuovo. L'investimento economico complessivo è di 70 milioni di euro, di cui 50 finanziati da Rfi e la restante parte dall'Autorità di Sistema Portuale.


In dettaglio, Rfi progetterà e realizzerà gli interventi per migliorare il collegamento del porto con la rete nazionale, mentre all'Authority portuale sono affidati i lavori di adeguamento degli impianti ferroviari all'interno del porto. La Regione avrà invece il compito di supervisionare e controllare tutte le attività previste.


Al termine degli interventi, le merci transitate dal porto di Trieste potranno intercettare due dei quattro Core Corridor Ten-T europei che attraversano l'Italia: quello Mediterraneo, che collega la penisola iberica al confine dell'Est europeo passando per la dorsale italiana Torino-Trieste, e il Corridoio Baltico-Adriatico, che collega importanti porti italiani come Ravenna e Trieste all'Austria e ai mercati del Nord Europa.