|
napoli 2
28 luglio 2021, Aggiornato alle 16,09
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Infrastrutture

Porto di Gioia Tauro lavora a una piattaforma galleggiante ro-ro

È tra le novità inserite in bilancio, nella prima riunione dell'Autorità portuale di Tirreno Meridionale e Ionio, che amministra cinque porti calabresi

Andrea Agostinelli, presidente dell'Autorità di sistema portuale del Tirreno Meridionale e dello Ionio

A Gioia Tauro, un nuovo punto di ispezione frontaliera, un accosto galleggiante per le navi rotabili, e dragaggi lungo il canale di accesso, sul lato di Levante; a Corigliano Calabro la ristrutturazione della torre faro; infine, un piano operativo triennale anche per Vibo Marina. Sono le principali decisioni prese oggi nella prima riunione del Comitato di gestione della neonata Autorità di sistema portuale del Tirreno Meridionale e dello Ionio, che amministra oltre ai tre citati scali calabresi anche quelli di Taureana di Palmi e Crotone. A presiedere la riunione, Andrea Agostinelli, già commissario dell'ex autorità portuale di Gioia Tauro, il porto con il più lungo commissariamento della storia

Tra i punti discussi (in streaming) all'ordine del giorno, la variazione e l'assestamento di bilancio 2021, «ritenuti indispensabili – si legge in una nota dell'Adsp - per dare risposte alla necessità, evidenziata dall'Ufficio Tecnico, di rimodulare il Piano triennale delle opere 2021-2023 dell'Ente». L'obiettivo è ottenere risorse finanziarie per realizzare una serie di infrastrutture strategiche allo sviluppo di questi tre porti.

Gioia Tauro
Tra le voci in uscita, è stata adottata una variazione in aumento di 5,3 milioni di euro per l'acquisto, la costruzione e la trasformazione di opere portuali e immobiliari nello scalo di Gioia Tauro. Di questi, 2,7 milioni serviranno alla realizzazione di una struttura polifunzionale di ispezione frontaliera (punto PED/PDI), con relativa sistemazione dell'impianto antintrusione e antiscavalcamento. Inoltre, all'interno del Piano operativo triennale 2021-2023 è stato inserito in bilancio 2021 la realizzazione di una piattaforma galleggiante per l'accosto delle unità ro-ro lungo il lato Nord del porto di Gioia Tauro. Infine, sempre nello scalo capoluogo, lo stanziamento di un milione di euro per finanziare la redazione dei progetti definitivi ed esecutivi di urbanizzazione della cittadella delle ispezioni, delle reti materiali e viabilità, dell'elettrificazione della piattaforma galleggiante ro-ro e dei lavori di approfondimento e consolidamento del canale portuale lungo la banchina di levante nei tratti A, B e C.

Illustrata dai dirigenti dell'area finanza e dell'area tecnica, Luigi Ventrici e Carmela De Maria, è stata pianificata una variazione di bilancio di 641 mila euro. Serviranno alla manutenzione dell'impianto di illuminazione e della torre faro del porto di Corigliano Calabro, già anticipati dall'ente e ora ottenuti dal ministero delle Infrastrutture. 

Entro i prossimi due mesi si procederà alla redazione del Piano triennale delle opere, che includerà anche il porto di Vibo Marina. «A beneficio delle istituzioni locali – ha spiegato Agostinelli – è nostra intenzione convocare una serie di incontri propedeutici all'adozione della nuova pianificazione strategica del ente. L'obiettivo è quello di recepire le istanze del territorio, al fine di redigere una pianificazione che sia il frutto della collaborazione e del lavoro sinergico tra le istituzioni. In una visione di prospettiva regionale, pensiamo sia opportuno programmare lo sviluppo delle nostre infrastrutture portuali, per offrire un'ulteriore opportunità di crescita ai territori e alle comunità che li ospitano. A tal proposito garantiremo la stessa attenzione agli scali portuali di Crotone, Corigliano Calabro, Taureana di Palmi, Vibo Marina e Gioia Tauro».