|
Porto di Napoli
24 settembre 2018, Aggiornato alle 14,01
intersped
Informazioni Marittime
Naples Shipping
Cultura

Portici realizzerà  Use-It, la guida turistica indigena

Parte di un network europeo, fornirà dritte agli stranieri con un layout moderno. È il primo comune italiano non capoluogo a farlo


Una guida turistica tascabile, gratuita, di carta e online, ai giovani per i giovani (under 35), che con lo slogan act like a local contenga consigli indigeni per i turisti, dritte su dove mangiare, passeggiare, ascoltare musica, con un linguaggio tra il gonzo e il rigoroso. È Use-It, un network con sede a Bruxelles che promuove l'autoproduzione locale (la mappa è finanziata dal Comune o da istituti del posto) di guide turistiche "dal basso". La prima città d'Italia non capoluogo a realizzarla, e una delle prime del Meridione, è Portici, piccolo Comune campano, uno dei più popolosi al mondo. Sarà una delle oltre quaranta mappe già realizzate e distribuite in tutta Europa tra ostelli, gli info-point universitari, centri servizi giovanili, biblioteche, musei. Sarà visibile e scaricabile anche on-line

Un bando per giovani grafici porticesi
Il Comune di Portici a fine febbraio ha approvato un finanziamento di 2 mila euro e prossimamente un bando per la realizzazione della copertina e del layout della guida, rivolto a un giovane residente porticese tra i 15 e i 35 anni. Il vincitore, si legge in un comunicato, «avrà un onorevole riconoscimento pubblico e il suo nome sarà pubblicato sulla mappa in relazione al compito svolto». Il Comune - si legge nella delibera approvata dal sindaco, Vincenzo Cuomo, su proposta del vicesindaco, Fernando Farroni, e dell'assessore alle Politiche Giovanili, Grazia Buccelli - si riserva il co-finanziamento della Facoltà di Agraria dell'Università Federico II e degli istituti di ricerca.

Come funziona Use-It
Use-It Europe è un network nato nel 2005. Promuove ai Comuni interessati la realizzazione di una mappa rivolta a giovani viaggiatori in lingua inglese. I contenuti sono rivolti al turista under 35, favorendo l'inclusione cittadina degli studenti stranieri e rafforzando nei giovani il senso di appartenenza all'Europa. La planimetria del luogo è integrata da una guida sintetica dal tono colloquiale e pratico il cui motto è act like a local. Viene offerta una lettura alternativa della città, indicando ciò che la rende unica e la individua come luogo immancabile da visitare. I contenuti sono suggeriti direttamente dai giovani del posto  - coinvolti con questionari cartacei, on line o distribuiti agli istituti superiori del territorio - e spaziano dai luoghi da visitare, agli spazi di ritrovo, a cosa mangiare e dove consumarlo nel dopocena, a dove fare l'aperitivo, fino agli aneddoti sulla storia cittadina "a memoria di giovani" e alle espressioni dialettali più utilizzate.