|
napoli 2
27 novembre 2021, Aggiornato alle 09,59
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Politiche marittime

Porti di Roma, disavanzo finanziario a 3,9 milioni di euro

Per recuperare il deficit, l'autorità portuale aumenterà le aliquote dei diritti di infrastruttura, aumenterà i canoni demaniali e ridurrà le spese correnti. Sospesa la contrattazione di secondo livello

Forte Michelangelo, sede dell'autorità portuale di Civitavecchia (Joe Pitha/Flickr)

Si è tenuta ieri la seduta del Comitato di gestione dell'Autorità di sistema portuale (Adsp) del Tirreno Centro Settentrionale, presieduta da Pino Musolino. Pur con l'attuazione del piano di risanamento adottato nei mesi scorsi e l'inizio della ripresa dei traffici, la bozza di bilancio di previsione 2022 dei porti di Civitavecchia, Fiumicino e Gaeta presenta un disavanzo finanziario di circa 3,9 milioni di euro.

La copertura di tale deficit passerà attraverso tre interventi: un aumento delle aliquote dei diritti dell'infrastruttura portuale, per generare nuovo gettito per 1,4 milioni; l'aumento delle entrate tributarie e dei canoni demaniali per l'adeguamento Istat del 3 per cento per circa 0,5 milioni, e la riduzione della spesa corrente per almeno 2 milioni.

La previsione relativa alla riduzione di spesa è correlata alla clausola sospensiva della contrattazione di secondo livello del personale dell'Adsp, con effetti a decorrere dal primo gennaio 2023. Condizione essenziale per garantire quanto illustrato alle organizzazioni sindacali è l'ottenimento dei ristori previsti nel DL Trasporti, la cui conversione in legge dovrà avvenire entro il 9 novembre.  

«Intervenire in questo modo sui lavoratori - afferma Musolino - era l'ultima delle opzioni che avremmo voluto utilizzare e per questo abbiamo atteso fino al termine ultimo di approvazione del bilancio di previsione i ristori promessi dallo Stato e previsti in una norma del 2020. In realtà, fino ad oggi, non è arrivato un solo centesimo per evitare il default del porto di Roma, nonostante gli impegni assunti ad ogni livello istituzionale. Attendiamo ora con fiducia che i soldi già stanziati possano essere erogati a novembre con la conversione del decreto Trasporti, in modo che il costo dell'azzeramento dei traffici dovuto al Covid e di scelte sbagliate del passato non debba essere pagato dai dipendenti e che quindi da un lato nel 2022 sia possibile rimodulare l'accordo integrativo, in funzione di auspicabili nuove entrate e maggiore competitività del network portuale, da perseguire anche attraverso strumenti incentivanti per i dipendenti, e dall'altro si intervenga strutturalmente sulle entrate e le uscite dell'Adsp, per far sì che ogni anno i conti possano essere in equilibrio senza dover mettere in discussione contratti o posti di lavoro». 

Oltre al presidente dell'AdSP e al segretario generale Paolo Risso, erano presenti i rappresentanti delle Capitaneria di Porto di Civitavecchia, Fiumicino e di Gaeta; il componente designato dalla Regione Lazio, Roberto Fiorelli; il componente designato dal Comune di Civitavecchia, Emiliano Scotti, e il componente designato da Città Metropolitana Roma Capitale, Pino Lotto.

-
credito immagine in alto