|
napoli 2
25 novembre 2020, Aggiornato alle 19,13
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Armatori

Pillarstone ristruttura debito PB Tankers

Il fondo, che gestisce i crediti di nove compagnie italiane, deposita il closing dell'operazione. Quattro navi MR2 passeranno al fondo Finav. Si rafforza anche Premuda

Il varo di una "ice class" PB Tankers

Il fondo Pillarstone ha annunciato oggi la conclusione dell'operazione di ristrutturazione del debito di PB Tankers, con il conseguente deposito ai senti dell'articolo 182 bis della Legge Fallimentare presso il Tribunale di Roma.

PB Tankers è una società italiana del Gruppo Pietro Barbaro che opera con una flotta di tanker e petroliere a medio raggio. È specializzata nel trasporto marittimo di greggio e derivati del petrolio.

L'operazione prevede il conferimento in due fasi di quattro navi MR2 di PB Tankers in Finav, il fondo creato da Pillarstone Italy per la gestione dei crediti dello shipping con attualmente in gestione asset per un controvalore di più di 500 milioni di euro nei confronti di nove società armatoriali italiani. L'operazione odierna rafforza anche la capacità operativa di Premuda, l'azienda di proprietà di Pillarstone Italy a cui fanno capo le operazioni di gestione di una flotta che raggiungerà le 36 unità entro la fine dell'anno.

Gaudenzio Bonaldo Gregori, presidente di Pillarstone Italy, ha commentato la chiusura della ristrutturazione di PB Tankers come un'operazione che «consolida il ruolo di Finav come player leader nel settore dello shipping in Italia. Manteniamo l'operatività della flotta in Italia e continuiamo ad investire, pronti a cogliere sfide che la Pandemia di Covid-19 ci pone. Ringraziamo gli azionisti e il management di PB Tankers con cui in questi mesi abbiamo avviato e avuto una proficua collaborazione». L'ottimismo di Gregori non è retorico, per le petroliere è effettivamente un momento d'oro.

Gianni Barbaro, consigliere delegato della controllante Pietro Barbaro, racconta che la chiusura dell'operazione «era stata bloccata lo scorso anno e messa a repentaglio dalla temporanea e ingiustificata iscrizione nella lista dei soggetti sanzionati OFAC». Ora questo accordo «consente a PB Tankers di ripristinare il proprio equilibrio economico/finanziario garantendone la continuità aziendale e la prosecuzione dell'attività di impresa».

Tag: economia