|
Porto di Napoli
17 gennaio 2019, Aggiornato alle 14,03
intersped

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Infrastrutture

Palumbo verso l'acquisizione di Mondomarine

Firmato impegno d'affitto che potrà diventare concessione. Ora la decisione del Tribunale fallimentare di Savona


«Abbiamo sottoscritto un contratto d'affitto del ramo d'azienda. Attendiamo gli sviluppi e l'evoluzione della procedura di concordato di Mondomarine ai fini di proseguire con l'offerta di acquisto». Con una nota il gruppo cantieristico napoletano Palumbo ha annunciato l'intenzione di acquisire lo stabilimento cantieristico di Savona, attualmente in procedura di concordato con il Tribunale cittadino. Vi lavorano 52 persone. Antonio Palumbo, patron del gruppo partenopeo, ha firmato a Milano un impegno notarile vincolante per l'affitto del ramo d'acienda per sei mesi, avviandosi così a controllare il cantiere di Savona. In ballo anche i Cantieri di Pisa, controllati da Mondomarine. 
 
Il contratto di concessione di Mondomarine con l'Autorità di sistema di Genova scade quest'anno e potrebbe essere rinnovato per altri quattro. Il contratto d'affitto di Palumbo dura sei mesi per diventare, in caso di acquisizione, contratto di concessione. «L'intento – conclude Palumbo - è di rilanciare il cantiere integrando il sito di Savona  nelle attività di refit e nuove costruzioni di yacht del gruppo, ricollocando, in ipotesi di acquisto, una buona parte delle maestranze allo stato in cassa integrazione». 
 
Ora la palla passa al Tribunale fallimentare di Savona che dovrà esprimersi. La questione potrebbe chiudersi anche entro l'anno.