|
napoli 2
08 maggio 2021, Aggiornato alle 15,13
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Infrastrutture

Palermo, lavori da 35 milioni per il porto e la città

Interesseranno il molo Piave, migliorando gli spazi e decongestionando il traffico. Al via la riqualificazione del molo Trapezoidale

Un render di progetto per il molo Piave (magazine.leviedeitesori.com)

Lunedì l'Autorità di sistema portuale della Sicilia Occidentale, guidata da Pasqualino Monti, presenterà un nuovo progetto per le infrastrutture di ultimo miglio di accessibilità al porto di Palermo, in particolare sul Molo Piave.

Un intervento da 35 milioni di euro, di cui 1,48 milioni in progettazione tramite fondi europei CEF, per una durata complessiva dei lavori di un anno e mezzo, a partire da ottobre prossimo. Si punta a riorganizzare gli spazi migliorando la connessione città-porto, diminuendo la congestione urbana, riducendo i tempi di attesa da e per il porto, di imbarco e sbarco e migliorando il decoro urbano. 

Nel frattempo l'authority siciliana ha affidato al raggruppamento temporaneo di imprese Conscoop di Forlì e Onep di Santa Venerina, in provincia di Catania, i lavori di riqualificazione del molo trapezoidale del porto di Palermo. L'area di intervento è di 26 mila metri quadri per 24 milioni di euro di spesa. Verranno migliorarati i servizi ai crocieristi e ai passeggeri in generale. Si prevede, in particolare, la continuità della passeggiata sulla Cala, estendendola fino al Trapezoidale e al parco archeologico. Verranno liberate le aree del Castello a Mare (ripavimentazione e disvelamento), un lago urbano, parcheggi e nove edifici, tra cui un auditorium e un anfiteatro panoramico da 200 posti.

«L'azione dell'AdSP del Mare di Sicilia occidentale - spiega Monti - ha dimostrato come sia possibile, anche in Sicilia, ottenere e spendere in maniera mirata i fondi europei, un puzzle di strumenti complementari a sostegno di diverse tipologie di interventi, che si legano e si fondono insieme per potenziare la rete. Niente cattedrali nel deserto ma solo opere decise dal mercato, determinanti per creare economia reale. E per restituire il mare ai palermitani, facendo comprendere come il porto non sia una servitù bensì una risorsa».

Alla presentazione interverranno, insieme a Monti, il presidente della Regione Sicilia, Nello Musumeci; il coordinatore europeo del Corridoio Scandinavia-Mediterraneo, Pat Cox; Giuseppe Ferrandino, del gruppo Alleanza progressista di Socialisti e Democratici al Parlamento Europeo; il presidente della IX Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni, Raffaella Paita; l'economista senior e founder di Pts Clas, Roberto Zucchetti; il responsabile progetti della Commissione europea (INEA, Innovation and Networks Executive Agency), Juste Zvirblyte; il segretario generale Med Ports Association, Luca Lupi;  l'architetto progettista Emanuela Valle di Valle 3.0 e l'ingegnere Salvatore Acquista, direttore tecnico dell'AdSP del Mare di Sicilia occidentale.

-
credito immagine in alto

Tag: palermo