|
napoli 2
22 maggio 2020, Aggiornato alle 15,17
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

speciale1
Politiche marittime

Oltre 60 milioni di euro per lo shipping, la bozza del DL Rilancio

Il grosso a Ferrobonus e Marebonus, più una quota per i portuali. Ma ci sono anche la sospensione di tasse, canoni e diritti doganali

Il ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri

a cura di Paolo Bosso

Almeno 60 milioni di euro allo shipping italiano, se si sommando Ferrobonus, Marebonus e risorse per i portuali. Collateralmente, lo sgravo degli operatori dalle tasse di ancoraggio, dai canoni di concessione, per risollevare i portuali, incentivare le ferrovie e le autostrade del mare, per indennizzare i trasporti marittimi locali e le Autorità di sistema portuale (Adsp). Una serie di misure mai viste prima per estensione e profondità, contenute nell'ultima bozza del "Dl Rilancio", circolato ieri sera e oggi sviscerato dai giornali, contenente misure economiche da decine di miliardi.

La bozza del DL Rilancio (dall'articolo 197 le misure per il trasporto)

Per il trasporto marittimo e la portualità le misure sono tantissime e coprono tutti i settori. I principali sono:

• Azzeramento dei canoni demaniali per le imprese articolo 18 (i terminalisti);
• fino a 2 milioni di euro da parte delle Adsp per il 2020 e altrettanti nel 2021 per risollevare le compagnie dei portuali articolo 17, le cui autorizzazioni possono essere prorogate dalle Adsp per due anni;
• fino a dodici mesi di proroga delle concessioni per i servizi di rimorchio portuale
esenzione della tassa di ancoraggio fino al 30 giugno;
• differimento dei diritti doganali di altri trenta giorni; 
• indennità mensile di disoccupazione marittima (NASPI e DIS-COLL) prorogata di altri due mesi.

A indennizzo di tutti questi introiti persi per le Autorità di sistema portuale, lo Stato le "rimborserà" con 20 milioni di euro.

Per quanto riguarda il trasporto pubblico locale, la notizia più importante è la volontà, contenuta nella bozza del DL, di prorogare il rinnovo della Convenzione tra lo Stato e i servizi di trasporto di cabotaggio – attualmente in vigore con la ex Tirrenia di Navigazione, di proprietà di Compagnia Italiana di Navigazione del gruppo Onorato - che potrà essere prorogata fino a un anno dalla fine dello stato di emergenza per l'epidemia di Coronavirus. La Convenzione sarebbe scaduta a luglio.

Per il trasporto ferroviario e quello di ro-ro/ro-pax sono finanziati il Ferrobonus e il Marebonus. Per la precisione, 14 milioni di euro per quest'anno, 20 milioni di euro per il 2021, entrambi destinati al «miglioramento della catena intermodale e il decongestionamento della rete viaria». Inoltre, 25 milioni nel 2021 lo sviluppo del trasporto intermodale.