|
napoli 2
08 agosto 2020, Aggiornato alle 12,18
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Logistica

Obiettivo Iran anche per l'Anas

Il gestore della rete stradale ed autostradale italiana ha avviato contatti con il Paese asiatico subito dopo la fine dell'embargo


In seguito alla fine dell'embargo, sono in tanti ad essere interessati alle nuove opportunità offerte dal mercato iraniano. Anche il gestore della rete stradale ed autostradale italiana. "Abbiamo già avviato i primi contatti con le autorità iraniane per partecipare, con altre imprese del settore delle costruzioni, al potenziamento della rete stradale persiana", ha dichiarato all'AGI il presidente e amministratore delegato dell'Anas, Gianni Vittorio Armani.


La società autostradale punta quindi a entrare sul mercato iraniano in collaborazione con altri soggetti che possano essere complementari. "Credo che l'Iran sia un Paese di assoluto interesse – ha aggiunto Armani - con quasi 100 milioni di abitanti, un livello culturale molto elevato. Hanno competenze, personale tecnico di alto livello e quindi si può portare know how avendo una base sulla quale lavorare. Hanno una rete stradale piuttosto buona, ma hanno bisogno di potenziarla e quindi c'è sicuramente da lavorare".

Il presidente e ad dell'Anas ha comunque sottolineato che, nell'ambito della strategia di sviluppo all'estero della concessionaria pubblica, sono stati avviati rapporti anche con altre nazioni, a cominciare da Colombia, Qatar, Algeria e Libia. Ma ci sono importanti contatti pure con Brasile, Perù e Emirati e Arabia Saudita.