|
napoli 2
06 dicembre 2019, Aggiornato alle 17,29
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Click&Boat 2
Cultura

Non spreca e tiene pulito, il decalogo del buon diportista di Marevivo

In collaborazione con la Capitaneria di Salerno, una serie di cartelli lungo i porticcioli della Costiera informeranno i diportisti sul buon comportamento in mare

Il decalogo del diportista di Marevivo

Parte dal porto di Cetara la campagna "Decalogo del Diportista" di Marevivo Salerno e Costiera Amalfitana, in collaborazione con la Capitaneria di porto di Salerno. L'iniziativa, che ha come scopo la promozione di comportamenti virtuosi per la salvaguardia dell'ambiente tra i diportisti, prevede l'installazione di pannelli informativi nei portili da diporto del circondario marittimo di Salerno. Su ogni pannello sono descritte dieci buone pratiche che ogni amante del mare dovrebbe adottare per la sua tutela: dalle indicazioni per il corretto smaltimento dei rifiuti alla segnalazione di avvistamenti in navigazione.

Il decalogo del diportista
1. Ricicla, riusa e tiene con sé
2. Non getta nulla in mare
3. Vive in modo sostenibile
4. Segnala al 1530 inquinamenti, emergenze e illeciti
5. Utilizza detergenti naturali sia per sé che per la barca
6. Raccoglie i rifiuti che trova in mare
7. Non ancora sulle prateria di posidonia
8. Rispetta la flora e la fauna marina
9. Evita di utilizzare plastica monouso
10. Segnala tramite l'app Occhio al Mare

I promotori del decalogo sono Giuseppe Menna, capo del compartimento marittimo e comandante del porto di Salerno, Pietro Vuolo, responsabile di Marevivo Salerno e Costiera Amalfitana, Claudia Di Lucca, capo servizio operativo della Capitaneria. La prima installazione è stata effettuata a Cetara alla presenza del titolare dell'Ufficio locale marittimo di Cetara, Alfonso Raiola.

«Il nostro obiettivo è dare la possibilità di avvicinarsi al mare con un approccio consapevole», spiega Vuolo, «chi meglio dei diportisti può dare il buon esempio? Vivere il mare significa creare una profonda connessione con l'ambiente marino e diventare, quindi, naturale ambasciatore del messaggio di protezione e salvaguardia delle nostre acque».