|
adsp napoli 1
24 luglio 2024, Aggiornato alle 17,11
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

forges4
Armatori

Nel 2022 d'Amico Shipping chiude il miglior anno di sempre

La guerra in Ucraina ha stravolto le importazioni di petrolio europee, che ora viaggiano molto di più, con benefici sui contratti spot e time charter

(rulenumberone2/Flickr)

Il 2022 del gruppo armatoriale d'Amico International Shipping è stato il migliore di sempre. La società, quotata alla borsa di Milano, ha pubblicato il bilancio di esercizio, che vede ricavi netti totali quasi raddoppiati sul 2021, pari a 334,8 milioni di dollari (175 milioni nel 2021).

Raddoppia anche il margine operativo lordo, pari a 226,6 milioni, mentre il risultato netto torna all'utile per 134,9 milioni, il livello più elevato di sempre, considerando anche che il 2021 si è chiuso in negativo per 37,3 milioni. Il flusso di cassa operativo è pari a 147,8 milioni (31,8 milioni nel 2021). Il debito netto sale a 409,9 milioni (era di 370 milioni nel 2021).

La società ha mantenuto un noleggio spot e time-charter giornaliero di 26,376 dollari nel 2022, contro i 12,996 medi del 2021. La tariffa mista sui contratti spot e time charter è stata di 38,294 dollari nell'ultimo trimestre, con un utile netto di 72,1 milioni. «Guardando al mercato delle navi cisterna - commenta Paolo d'Amico, presidente e amministratore delegato di d'Amico International Shipping - dopo un inizio anno piuttosto debole, a causa di un aumento temporaneo nei casi di Covid e le conseguenti restrizioni alla mobilità messe in atto da diversi Paesi in tutto il mondo, il mercato delle navi cisterna ha iniziato a migliorare rapidamente verso la fine del primo trimestre, man mano che le economie si sviluppavano gradualmente riaperto a seguito della revoca di tali restrizioni. Inoltre, a partire dalla fine del primo trimestre lo scoppio della guerra in Ucraina ha avuto un impatto significativo sui mercati delle petroliere, per lo più dovuto alle inefficienze derivanti da schemi commerciali non ottimali e dall'aumento dei trasbordi, nonché dall'aumento delle distanze medie percorse, poiché l'Europa oggi si rifornisce di petrolio da più lontano, rispetto a prima che importava dalla Russia, che a sua volta trova acquirenti in località più lontane in Asia, principalmente Cina e India. Secondo l'AIE, le importazioni dell'Unione europea di petrolio russo sono diminuite da 4,1 milioni b/g nel febbraio 2022 a 2,2 milioni di b/g il 22 dicembre e 1,3 milioni di b/g a gennaio scorso. In Unione europea la quota delle esportazioni petrolifere russe è scesa al 16 per cento nel gennaio 2023, rispetto al 50 per cento nel febbraio 2022. Inoltre, l'embargo dell'Unione europea sulle importazioni di prodotti russi, entrato in vigore il 5 febbraio scorso, dovrebbe risultare in cali molto più profondi e un ulteriore ~1 mb/g di prodotti dovrà trovare una nuova casa. In questo scenario è ragionevole aspettarsi che l'Unione europea aumenterà nel 2023 le sue importazioni di prodotti dalle raffinerie in Asia e il Medio Oriente, aumentando la domanda di tonnellate-miglio delle navi cisterna. Nonostante l'incertezza macroeconomica contesto e gli attuali rischi di recessione, soprattutto in Europa e negli Stati Uniti, le navi cisterna mercato dovrebbe rimanere forte nei prossimi mesi e trimestri. In effetti, qualsiasi potenziale diminuzione la domanda in queste regioni dovrebbe essere più che compensata da un aumento dei consumi in Asia e soprattutto in Cina, che riapre la sua economia».

-
credito immagine in alto

Tag: d'amico