|
napoli 2
01 ottobre 2020, Aggiornato alle 18,41
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Infrastrutture

Napoli, Palumbo vara la "Prima"

Varo tecnico per "Columbus 177 Prima", il nuovo megayacht costruito in meno di tre anni dagli stabilimenti Palumbo di Napoli. Bobbio: "Nonostante tutto, noi ci siamo". Mercoledì il tavolo tecnico a Castellammare con Fincantieri  di  Paolo Bosso  


«Nonostante tutto, noi ci siamo». Le parole del sindaco di Castellammare di Stabia Luigi Bobbio riassumono alla perfezione l'atmosfera che si respirava oggi al porto di Napoli per il varo tecnico di Columbus 177 Prima, il nuovo megayacht costruito dai Cantieri Palumbo. Con i suoi 54 metri di lunghezza, il gioiello del mercato delle imbarcazioni di lusso è il più grande mai costruito nel sud Italia. Standard tecnici a iosa, tutti garantiti dal certificato Abs e da quello "Green Star" del Rina.
"Prima" ha una stazza di 700 tonnellate ed è stato costruito per la società armatrice Columbus Yacht. Sei cabine, cabine vip e tanto lusso.
Nel corso del discorso in occasione del varo tecnico, Giuseppe Palumbo, figlio di Antonio, presidente degli omonimi cantieri, non ha nascosto la sua commozione per un evento che, con la pesante crisi che la cantieristica italiana e internazionale sta subendo, è di grande importanza. «Dobbiamo essere orgogliosi di questo prodotto e della maestranza tutta locale che l'ha costruito – ha affermato Palumbo – abbiamo un network che con Napoli, Malta e Messina si pone ai vertici internazionali. Ci occupiamo di tutto, dal refitting alla costruzione di imbarcazioni che vanno dai 38 ai 75 metri. Impieghiamo circa 350 operai per un indotto complessivo di 1.500 persone».
Alla cerimonia sono anche intervenuti l'ammiraglio Domenico Picone, direttore marittimo della Campania e comandante del porto di Napoli; il sottosegretario all'Economia Bruno Cesario; Luigi Rispoli, presidente del consiglio provinciale di Napoli e Marco Di Stefano, assessore alla Risorsa Mare. Tutti insieme hanno sottolineato il segnale che questo varo lancia al governo e alle istituzioni: il know how e le risorse per costruire con tecnologie moderne questo tipo di imbarcazioni ci sono tutte. «Con "Prima" è stato lanciato un segnale forte: la Campania può fare cose straordinarie di altissima capacità tecnica e industriale» ha detto Picone.
Il varo del megayacht rappresenta un evento molto importante per la cantieristica del sud Italia ed è stato realizzato in tempi da record considerando la difficile realtà del Mezzogiorno. Avviato nel 2008, infatti, è stato realizzato in meno di tre anni. Il sindaco di Castellammare porterà questo evento al tavolo con Fincantieri convocato per mercoledì prossimo presso la stessa città campana. «Napoli, Salerno e Castellammare formano un sistema unico che non va sprecato». 
 
Paolo Bosso