|
napoli 2
29 settembre 2020, Aggiornato alle 14,57
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Politiche marittime

Napoli inaugura il Posto di ispezione frontaliera

Verrà aperto il 26 settembre e mette in un unico luogo tutte le autorità adibite al controllo veterinario


Il 26 settembre si inaugurerà a Napoli il nuovo Posto unico di Ispezione Frontaliera (Pif), il primo in Italia di questo tipo, ufficio periferico del ministero della Salute autorizzato dalla Commissione europea ad effettuare controlli veterinari su animali e prodotti alimentari provenienti da Paesi terzi e destinati al mercato comunitario o al transito verso altri Paesi terzi.

Frutto di una sinergia pubblico-privata (terminal Flavio Gioia-gruppo Bucci), insieme all'ulteriore implementazione dello sportello unico doganale (che oggi ha aperto a Genova), vedrà riunite tutte le autorità e gli organi di vigilanza adibiti al controllo sanitario e alimentare (per esempio medici, ufficiali giudiziari, etc.). Razionalizza le operazioni doganali concentrandole in un unico luogo, con lo scopo di ridurre sensibilmente tempi e costi di sdoganamento, dando la possibilità allo stesso porto di incrementare il traffico. È il primo a Napoli e il primo in Italia come "unico", cosa che permetterà di attrarre quella merce che, pur destinata allo scalo campano, deve prima sbarcare in altri porti per essere sottoposta a questo tipo di controlli. 

Nel corso dell'inaugurazione si terrà il convegno "Napoli porta d'Europa", organizzato dal ministero della Salute e col patrocinio delle autorità competenti. Sono previsti, tra gli altri, gli interventi del sindaco di Napoli Luigi De Magistris e del governatore della Campania Vincenzo De Luca.