|
napoli 2
30 marzo 2020, Aggiornato alle 21,57
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

speciale1
Armatori - Infrastrutture

Msc Crociere investe 6,5 miliardi nel futuro

Due nuove navi a gas, un prototipo per una coppia di cruiser ultra-ecologiche e un altro per una nave spinta dal vento. È uno dei più grossi investimenti fatti da una compagnia crocieristica

Laurent Castaing e Gianluigi Aponte

Uno dei più grandi investimenti mai fatti da parte di una compagnia da crociera, uno scorcio sull'evoluzione sempre più futuristica delle navi da crociera, in linea con le necessità tecnologica in tempi di cambiamento climatico.

Msc Crociere e Chantiers de l'Atlantique hanno siglato contratti pari a complessivi 6,5 miliardi di euro. Un contratto per una commessa, la terza e la quarta nave World Class, alimentate a gas naturale liquefatto; un memorandum per la realizzazione di due navi prototipo ancora più ecologiche delle world class; e infine il concept per un prototipo di grande nave da crociera spinta dal vento.

Un piano di investimenti decennale, firmato nel corso di una cerimonia tenutasi a Parigi, a Palazzo Matignon, la residenza del primo ministro francese. All'evento hanno partecipato Édouard Philippe, primo ministro della Francia; Gianluigi Aponte, fondatore ed executive chairman del gruppo Msc; Pierfrancesco Vago, executive chairman di Msc Cruises; e Laurent Castaing, direttore generale di Chantiers de l'Atlantique.

Terza e quarta nave World Class
La consegna delle due nuove nuove navi World Class a gas sono previste nel 2025 e 2027 e costeranno circa un miliardo ciascuna e richiederanno fino a 2,400 persone per essere costruite, concentrate soprattutto in un periodo di tre anni e mezzo. La prima è in costruzaione a Saint-Nazaire ed entrerà in servizio nel 2022. Saranno tra le più grandi in cirolazione, le prime a superare, per una nave da crociera, una stazza di 200 mila tonnellate, oltre ad avere la peculiarita di essere alimentate a gas liquido, che elimina quasi del tutto le emissioni di zolfo e di particolato, taglia dell'85 per cento quelle di ossido di azoto (NOx) e del 20 per cento quelle di anidride carbonica.

Due prototipi ultra-ecologici
Le altre due navi, del valore complessivo di 4 miliardi, rientrano in un protocollo d'intesa e sono dei prototipi, sempre alimentati a gas, e cerceranno di soddisfare gli standard prefissati dall'International Maritime Organization, ovvero emissioni di gas serra vicine allo zero.

Una nave da crociera a vela
Un secondo memorandum d'intesa prevede la collaborazione tra Msc Crociere e Chantiers de l'Atlantique per lo sviluppo di un prototipo di nave spinta ad energia eolica. 

I commenti
«Gli accordi si basano su una partnership di lunga durata con Chantiers de l'Atlantique, che ha già visto consegnare 15 navi da crociera all'avanguardia negli ultimi due decenni e che vedrà altre navi prendere vita sulle banchine di Saint-Nazaire nei prossimi dieci anni», spiega Vago.  «Siamo entrambi impegnati a dare forma alla crocieristica di domani e allo sviluppo di navi che presentano standard ambientali più avanzati», aggiunge Castaing.