|
napoli 2
20 novembre 2019, Aggiornato alle 16,04
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Click&Boat 2
Armatori - Personaggi

Michael Ungerer guiderà il luxury brand di Msc Crociere

Austriaco con un'esperienza trentennale nel settore del lusso, è stato nominato CEO del futuro marchio del gruppo Msc. Prima nave nel 2023

Michael Ungerer

Sarà Michael Ungerer, nel ruolo di amministratore delegato, a guidare in nuovo marchio di lusso di Msc Crociere. Lo annuncia il gruppo elvetico in una nota. Ungerer - austriaco di 53 anni, un MBA presso l'INSEAD Business School ed esperienza trentennale nelle crociere e nell'ospitalità di lusso - opererà prevalentemente dal quartier generale di Ginevra, riportando direttamente a Pierfrancesco Vago, executive chairman della divisione crociere e passeggeri del gruppo Msc.

La divisione luxury di Msc Crociere è stata annunciata a marzo di quest'anno, inclusa in un grosso piano di espansione che triplicherà la flotta nel giro dei prossimi otto anni. Partirà nel 2023 con la prima nave di una flotta che sarà composta da quattro unità dedicate (ultima consegna nel 2026), tutte realizzate da Fincantieri. Il valore complessivo della commessa, così come annunciato a marzo, sarà superiore ai 2 miliardi di euro. Avranno tutte una stazza lorda di circa 64 mila tonnellate e saranno dotate delle più recenti e avanzate tecnologie ambientali e propulsive. Saranno dei "super-mega-yacht" (super per il livello di confort, mega per lo spazio a disposizione).

«Questa nomina segna un importante passo in avanti nella creazione di una struttura organizzativa solida», commenta Vago. «Per noi - continua - si tratta di un passaggio naturale, frutto del lavoro svolto sin dall'inizio all'interno di Msc Crociere, che ci ha permesso di realizzare l'Msc Yacht Club».

Ungerer si è detto «onorato» dell'incarico e di guidare un progetto del genere, «entusiasta di poter lavorare a stretto contatto con un leader visionario come Pierfrancesco Vago e con un nome storico nel settore dello shipping come quello della famiglia Aponte, che è riuscita a costruire nel corso degli anni un business sostenibile, portando avanti una cultura incentrata sulle persone, con valori che condivido profondamente».