|
adsp napoli 1
30 settembre 2022, Aggiornato alle 18,08
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Cultura

Merlo (Federlogistica) propone un ministero della transizione marittima

Un dicastero sul modello di quello della transizione ecologica. Secondo il presidente di Federlogistica sarebbe trasversale alle istanze di cui si dovrebbe occupare

Il rettore dell'Università del Salento, Fabio Pollice; il presidente di Federlogistica, Luigi Merlo; la viceministra ai Trasporti, Teresa Bellanova

Non il tradizionale ministero della marina mercantile, o il "ministero del mare" tanto chiesto dal cluster, ma un ministero della "transizione marittima", sul modello di quello della transizione ecologica presente nell'attuale governo Draghi, che eredita il ministero dell'ambiente. Lo propone il presidente di Federlogistica, Luigi Merlo, nel corso di una lezione che l'ex presidente del porto di Genova ha tenuto venerdì scorso all'Università del Salento, a Lecce, dove ha ricevuto una laurea honoris causa in management engineering.

«Il governo in carica – ha detto Merlo - ha positivamente introdotto e sperimentato ministeri organizzati non più in modo tradizionale bensì trasversale, su tematiche come la transizione ecologica, l'innovazione tecnologica e la trasformazione digitale. Sarebbe molto importante che i futuri governi istituissero un "ministero alla transizione marittima" in grado di coniugare gli aspetti ambientali e quelli dei settori economici tradizionali e innovativi».

«Non si tratterebbe di riproporre il vecchio ministero della Marina mercantile – ha continuato Merlo - bensì di dare vita a un dicastero moderno e all'avanguardia che si occupi del nostro patrimonio più grande: il mare e il nostro spazio marittimo». In un contesto portuale che in Italia è «frazionato, territoriale e non coordinato», un ministero della transizione marittima avrebbe «un ruolo di grande forza innovativa». In questo contesto, le autorità di sistema portuale, che dal 2016 accorpano le autorità portuali, «saranno chiamate a svolgere nel prossimo futuro sistemi di governo complesso che abbinino la prerogativa della governance pubblica a un ruolo di regia nelle procedure, nelle attività innovative e nelle nuove professionalità in ambito terrestre e marittimo».

Tag: economia