|
Porto di Napoli
19 dicembre 2018, Aggiornato alle 15,26
intersped

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Politiche marittime

Meno plastica in mare, l'IMO avvia studio

Nell'ultima riunione del MEPC sono state adottate misure e linee guida su rifiuti, design e gas serra


Dal 22 al 26 ottobre l'International Maritime Organization (IMO) ha tenuto il suo 73simo Comitato per la protezione dell'ambiente marino (MEPC). Sono state prese decisioni importanti su emissioni, produzione rifiuti e design delle navi. Tra queste, è stato avviato un programma di riduzione dei gas serra, rafforzati i requisiti dell'Efficiency Efficiency Design Index e, decisione nuova, adottato un piano d'azione per i rifiuti della plastica.

Piano d'azione sui rifiuti marini di plastica
Il MEPC ha adottato un piano d'azione per affrontare i rifiuti marini di plastica dalle navi. Sono state identificate una serie di azioni, che saranno esaminate al MEPC 74, tra cui uno studio proposto sui rifiuti di plastica marina dalle navi. Sono state esaminate la disponibilità e l'adeguatezza delle strutture di ricezione portuale, l'obbligatorietà della marcatura degli attrezzi da pesca, nonché la loro promozione e la reperibilità; poi la revisione della formazione del personale dei pescherecci e la familiarizzazione dei marittimi con questi argomenti. Infine, il rafforzamento della cooperazione internazionale, in particolare con l'Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) e le Nazioni Unite.

Riduzione delle emissioni di gas serra prodotte dalle navi
Il MEPC ha approvato il programma di azioni di follow-up sulla riduzione delle emissioni di gas serra dalle navi fino al 2023. È destinato a essere utilizzato come strumento di pianificazione per rispettare le scadenze individuate nella strategia iniziale dell'IMO, adottata nell'aprile 2018. La Commissione ha invitato proposte sulle misure a breve termine candidate alla prossima sessione del MEPC 74 che si terrà a maggio 2019.

Quarto studio sui gas serra
Il MEPC ha sviluppato un progetto di mandato per il quarto studio sulle emissioni di gas serra, che dovrebbe essere avviato nel 2019. È stato deciso di organizzare un seminario di esperti per discutere questioni tecniche e metodologiche per aiutare il Comitato. È destinato a fornire un aggiornamento delle stime delle emissioni dello shipping nel periodo 2012-2018, più scenari sulle emissioni future.

Rafforzamento dei requisiti EEDI
Il MEPC ha ricevuto il rapporto intermedio della revisione dell'Efficiency Efficiency Design Index (EEDI) «oltre la fase 2». Le fasi EEDI portano requisiti di efficienza energetica sempre maggiori. Sono state adottate linee guida del 2018 sul metodo di calcolo dell'EEDI per le nuove navi, incorporando gli aggiornamenti delle linee guida del 2014. È stata discussa la possibilità di portare avanti il ​​requisito della fase 3 al 2022 (ora è al 2025), per alcune navi, nonché una proposta per aumentare il miglioramento dell'efficienza energetica al 40 per cento (ora è al 30%) per le navi portacontainer. Il MEPC ha invitato proposte per la prossima sessione (MEPC 74). 

Attuazione del limite dello zolfo 2020
Il nuovo limite inferiore dello 0,50 per cento massa/massa sullo zolfo nell'olio combustibile delle navi sarà in vigore dal primo gennaio 2020, in base al trattato MARPOL dell'IMO, con benefici per l'ambiente e la salute. Il nuovo limite sarà applicabile a livello globale, mentre nelle zone designate di controllo delle emissioni (ECA) il limite rimarrà ancora più basso, allo 0,10 per cento. Il MEPC ha adottato un emendamento MARPOL per vietare l'utilizzo di carburante al di sopra di questi limiti, a meno che la nave non abbia un sistema di depurazione dei gas di scarico ("scrubber") montato. Il MEPC ha anche approvato una guida sulle migliori pratiche per rifornirsi del carburante adeguato. 

Implementazione del trattato di gestione delle acque di zavorra
La convenzione internazionale per il controllo e la gestione delle acque di zavorra e dei sedimenti delle navi, 2004 (convenzione BWM), è entrata in vigore nel settembre 2017 e ad oggi è stata ratificata da 79 paesi, pari all'80,94 per cento del tonnellaggio mondiale di navi mercantili. Gli emendamenti al trattato, relativi all'attuazione della convenzione, sono stati adottati nell'ultima sessione. Sono state approvate linee guida sui sistemi di gestione delle acque di zavorra e la loro messa in servizio. Sono stati adottati emendamenti per aggiornare le linee guida per la gestione delle acque di zavorra e lo sviluppo dei piani di gestione delle acque di zavorra (G4).

Tag: ambiente - imo