|
adsp napoli 1
24 aprile 2024, Aggiornato alle 19,49
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2

Maritime Security, la Commissione Europea ispeziona il porto di Catania

Le visite sono programmate nell'ambito delle misure preventive dell'Ue per proteggere il trasporto marittimo e vengono condotte da team di ispettori esperti


La Commissione Europea ha condotto nei giorni scorsi un'ispezione al porto di Catania per verificare lo stato di attuazione - da parte dell'Italia - delle norme in materia di maritime security, intesa quale: combinazione delle misure preventive dirette a proteggere il trasporto marittimo e gli impianti portuali contro le minacce di azioni illecite intenzionali. Tali ispezioni vengono condotte da team di ispettori esperti della Commissione europea che, proprio in considerazione della delicatezza ed importanza della materia, non ha delegato tale attività ispettiva ad alcuna agenzia esterna.   

Il team della Commissione, composto da otto ispettori di diverse nazionalità, ha individuato cinque impianti portuali per l'attività di controllo della port security (sicurezza degli impianti portuali), mentre, per l'attività ispettiva afferente alla ship security (sicurezza a bordo delle navi) sono state selezionate quattro navi, di cui tre italiane ed una comunitaria. 

Nel corso del de-briefing, a chiusura dell'attività ispettiva, il rappresentante leader della Commissione Europea ha espresso apprezzamento per il personale della Guardia Costiera, che ha operato nella duplice veste di autorità competente, ruolo rivestito dal comando generale, presente con una rappresentanza del VI Reparto – Sicurezza della Navigazione e Marittima, e di Autorità Designata/di Sicurezza, figura propria della Capitaneria di Porto.

Gli esiti dell'ispezione sono stati molto positivi, la Commissione non ha rilevato gravi irregolarità ed ha voluto condividere con tutti gli attori interessati, sempre in ottica collaborativa e di perfezionamento, alcune osservazioni volte a garantire ed incentivare un livello sempre più alto degli standard nei porti italiani e degli impianti.