|
adsp napoli 1
21 febbraio 2024, Aggiornato alle 12,42
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Politiche marittime

Marina Militare nel mondo, record di navi in missione

Sono undici le unità dell'Arma attualmente impegnate in attività fuori dal Mar Mediterraneo

La nave "Alliance" della Marina Militare in missione nell'Artico

Con la partenza di nave Alliance, avvenuta nei giorni scorsi per condurre attività idro-oceanografica e di ricerca nell'Oceano Artico, diventano undici le navi della Marina impegnate in attività fuori dal Mar Mediterraneo, in un'area che si estende anche oltre al concetto geopolitico e geostrategico di Mediterraneo Allargato.

La fregata Fasan in nord America per attività addestrativa congiunta con la US Navy, la fregata Margottini nel Mare del Nord per l'esercitazione di difesa da missili balistici denominata Formidable Shield (Fosh), la nave anfibia San Marco in nord Europa per la partecipazione a una esercitazione interforze multinazionale che vedrà la prima attivazione del Littoral Expeditionary Group (LEG), la fregata Rizzo in Oceano Indiano per l'Operazione di sicurezza marittima Agenor, il pattugliatore polivalente d'altura Morosini nel Mar Cinese meridionale per la campagna indo-pacifica, il pattugliatore d'altura Borsini in Golfo di Guinea ambito Operazione antipirateria Gabinia, il cacciatorpediniere Duilio nel Mare del Nord in attività con Marine Alleate e i 3 pattugliatori costieri classe "Esploratore" in Sinai nella Multinational Force & Observers (Mfo). 

Sulle navi in attività fuori dal Mediterraneo, si legge in una nota della Marina, sono imbarcati anche 8 elicotteri dell'Aviazione Navale e 6 squadre di abbordaggio della Brigata Marina San Marco, con un totale di personale coinvolto, compresi gli equipaggi, di oltre 1.200 tra uomini e donne. Un impegno fuori dagli stretti, in continuità con la consolidata partecipazione attiva alle operazioni internazionali in atto nel bacino Mediterraneo, quali Irni dell'Ue, Sea Guardian e Noble Shield della Nato unitamen-te alla condotta delle attività nazionali tra cui la vigilanza pesca e le operazioni Mediterraneo Sicuro e Fondali Sicuri. Prosegue così l'azione sul mare, sotto il mare e dal mare della Marina per la tutela degli interessi nazionali e la salvaguardia della sicurezza marittima in tutta le aree di prioritario interesse strategico.