|
adsp napoli 1
14 giugno 2024, Aggiornato alle 13,39
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

forges4

Le ambizioni ambientali di Norwegian Cruise Line Holdings

Azzeramento gas serra nel 2050, almeno il 70 per cento delle navi predisposte al cold ironing e riciclo a bordo di oltre la metà dei rifiuti prodotti in crociera. Il gruppo pubblica il "Sail & Sultain" 2023

(apardavila/Flickr)

Norwegian Cruise Line Holdings - gruppo che gestisce i marchi da crociere Norwegian Cruise Line, Oceania Cruises e Regent Seven Seas Cruises - ha pubblicato il suo report "Sail & Sustain" 2023, un bilancio delle attività della compagnia in ambito ambientale, concentrandosi sui progressi fatti nel campo della sostenibilità, tra emissioni ridotte, predisposizione al cold ironing, riciclo dei rifiuti a bordo e donazioni.

Nel 2023 il gruppo crocieristico statunitense (nonostante il nome) ha introdotto obiettivi a breve termine di riduzione dell'intensità dei gas serra per arrivarli ad azzerare entro il 2050. Le attività interessate includono principalmente: operazioni a bordo e a terra, catena dell'approvvigionamento, emissioni well-to-wake e gli spostamenti nei viaggi d'affari del personale. Gli obiettivi a breve e breve termine includono la riduzione dell'intensità dei gas serra del 10 per cento entro il 2026 e del 25 per cento entro il 2030, rispetto allo scenario di riferimento del 2019.

Alla fine del 2023 la metà della flotta complessiva di Norwegian Cruise Line, Oceania Cruises e Regent Seven Seas Cruises è predisposta all'alimentazione elettrica da terra durante le soste nei porti, il cosiddetto cold ironing, o tecnicamente onshore power supply. Entro il 2025 la percentuale di navi predisposte dovrebbe salire al 70 per cento.

Sempre nel 2023 sono stati testati combustibili alternativi con miscela di biodiesel su quattro navi, a cui quest'anno dovrebbero aggiungersene altre quattro.

Sempre nel 2023 le navi del gruppo hanno consumato circa 7,6 milioni di metri cubi di acqua dolce a bordo, con una quota pari a circa l'89 per cento prodotta a bordo attraverso evaporatori e impianti di osmosi inversa, riducendo la necessità di stoccare acqua dolce. L'obiettivo è ridurre lo stoccaggio del 4 per cento entro il 2025, rispetto al 2019. Per quanto riguarda i rifiuti, l'obiettivo è di aumentare la quantità di quelli riciclati e l'inceneriti a bordo, attualmente circa la metà di quelli prodotti.

Nel 2023 Norwegian Cruise Line Holdings ha donato quasi 1,6 milioni di dollari in denaro, crociere e beneficenza, tra cui il finanziamento degli interventi di soccorso agli incendi boschivi dell'isola di Maui nelle Hawaii, oltre al sostegno alle comunità locali.

-
credito immagine in alto