|
adsp napoli 1
17 maggio 2022, Aggiornato alle 08,51
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Logistica

La Spezia e Carrara, traffico stabile nel primo trimestre

Movimentate più o meno le stesse tonnellate del primo trimestre 2021. Bene i container in gateway, cala il trasbordo

Il porto turistico di La Spezia (Domenico/Flickr)

Tra gennaio e marzo i porti di La Spezia e Marina di Carrara hanno movimentato 4,3 milioni di tonnellate di merce, un traffico più o meno in linea con il primo trimestre 2021. Lo rende noto l'Autorità di sistema portuale del Mar Ligure Orientale.

A La Spezia i container hanno raggiunto quota 353,476 TEU, in crescita dello 0,7 per cento con un'accelerata a marzo (+6,2%), mentre l'intermodalità mare-ferro è stata gestita con 2,148 treni, che hanno utilizzato complessivamente 32,305 vagoni. Più nel dettaglio, la movimentazione delle merci nel porto della Spezia ha registrato 3,02 milioni di tonnellate (-4,5%), di cui 121,792 tonnellate in rinfuse liquide (-50,5%), 12,682 in rinfuse solide e 2,89 milioni di tonnellate in general cargo (-1%). Per quanto riguarda le rinfuse liquide, con particolare riferimento al traffico di gas naturale liquefatto, si prevede una ripresa a partire da aprile.

Con un positivo 2,4 per cento nel porto spezzino continua ad aumentare il traffico gateway, che ha raggiunto nel trimestre 321,230 TEU, mentre quello da trasbordo continua a diminuire, con una flessione del 36,1 per cento, che ha riguardato complessivamente 9,214 TEU.

Grazie all'integrazione ferroviaria di sistema con Santo Stefano di Magra, crescono del 2,5 per cento i servizi intermodali, che hanno visto viaggiare da e per il porto spezzino complessivamente 2,120 i treni e 31,812 vagoni (+3,8%). La merce in container trasportata via ferrovia si è attestata a 850,038 tonnellate, anch'essa aumentata del 4 per cento.

Discorso a parte per il settore passeggeri, da cui emergono segnali di ripresa: lungo il primo trimestre 2022 sono stati effettuati 15 scali nave con un transito di 20,677 croceristi.

Per quanto riguarda il porto di Marina di Carrara, si rafforzano ulteriormente gli importanti risultati di crescita conseguiti già nel 2021. Nel primo trimestre 2022 le performance sia dei trasporti ro-ro che delle rinfuse solide e delle merci varie segnano tutte valori positivi. Il traffico generale è stato di 1,28 milioni di tonnellate (+76,4%), di cui 389,838 tonnellate di rinfuse solide (+539%) e 891,344 tonnellate di general cargo (+34%). Il traffico ro-ro è stato di 11,113 unità, segnando un importante incremento del 74,5 per cento sul trimestre 2021. Bene anche il traffico container, par ia  23,032 TEU, con un incremento del 5,4 per cento. Grazie al potenziamento dei servizi, il trasporto ferroviario è stato di 28 treni (+86,7%) e 493 vagoni (+84,6%). La ripresa del traffico crociere, invece, è prevista a partire dal secondo trimestre 2022.

«Questi dati confermano l'importante funzione assolta dai porti di La Spezia e Marina di Carrara, sempre più punti di riferimento di aziende italiane ed estere e di milioni di consumatori», commenta il presidente dell'autorità di sistema portuale, Mario Sommariva, che prosegue: «I programmi che come AdSP stiamo implementando sono rivolti ad aumentare l'efficienza logistica dei nostri porti, riducendone sempre più l'impatto ambientale e promuovendo occupazione qualificata. Lavoriamo anche in prospettiva della nostra ZLS, che una volta insediata comprenderà importanti aree logistiche, da Santo Stefano Magra alla provincia di Parma, mettendo i nostri porti al servizio di un importante e complesso sistema economico multiregionale».

-
credito immagine in alto