|
napoli 2
19 ottobre 2020, Aggiornato alle 21,38
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Cultura

Kamarina, nuove scoperte sul "relitto delle colonne"

Trasportava un carico colossale l'antica nave naufragata duemila anni fa nelle acque siciliane

(Ph: Massimo Capulli)

Gigantesche colonne di marmo giallo numidico, dei blocchetti di marmo e arenaria e delle anfore di provenienza africana. E chissà cos'altro ancora da scoprire. Parliamo del colossale carico della antica nave romana affondata nel secondo secolo dopo Cristo nelle acque di Kamarina, in Sicilia. Dopo lo stop di alcuni mesi delle attività archeologiche subacquee imposte dal Covid, sul cosiddetto "relitto delle colonne" sono riprese le ricerche promosse dall'Università di Udine. 

"Quest'anno, in particolare – spiega Michele Stefanile su Archeologia Subacquea Blog –, è stato possibile scavare nel sedimento sabbioso rimettendo in luce parte dell'architettura navale: un istruttivo spaccato dello scafo, che è stato opportunamente documentato, con moderne tecniche di acquisizione tridimensionale, e che riuscirà a fornire nuovi dettagli su un naufragio".