|
napoli 2
27 novembre 2021, Aggiornato alle 09,59
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Armatori - Infrastrutture

Jeddah, Maersk firma per un hub da 2,500 posti di lavoro

Intesa con l'autorità portuale, dopo quella con Dp World. Nella Jebel Ali Free Zone verrà creato un polo logistico dove movimentare container frigo, e-commerce, petrolchimico, cargo aereo e groupage

(maersk.com)

Il futuro grande polo logistico di Maersk a Jeddah prende il largo con la firma dell'accordo tra l'armatore e l'autorità portuale dell'Arabia Saudita. È tutto pronto per il prossimo hub logistico in zona franca gestito dal gruppo danese, dopo l'intesa di fine settembre con Dp World per l'allocazione degli spazi nella Jebel Ali Free Zone.

Un polo logistico integrato, con catena del freddo inclusa, che movimenta, stocca e distribusce commercio elettronico, petrolchimico, cargo aereo e groupage. L'area sarà estesa su 205 mila metri quadri (circa 20 ettari) e vede un impegno economico della Mawani port authority di 136 milioni di dollari in un periodo di 25 anni. Che sarà un hub molto grande lo si vede dai posti di lavoro previsti, circa 2,500. Parecchi, a detta dell'armatore, gli investimenti per produrre energia da fonti rinnovabili.

L'accordo è stato firmato dal presidente dell'autorità portuale saudita, Omar bin Talal Hariri, e dall'amministratore delegato di Maersk Arabia Saudita, Mohammad Shihab, alla presenza del ministro dei Trasporti e della logistica, e presidente del consiglio di amministrazione dell'autorità portuale, Saleh bin Nasser Al-Jasser, e dell'amministratore delegato di Maersk West & Central Asia, Richard Morgan. 

Tag: maersk