|
adsp napoli 1
03 ottobre 2022, Aggiornato alle 12,17
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Politiche marittime

Import di carbone e navi, il quinto embargo russo dell'Ue

La presidente von der Leyen ha illustrato i contenuti del prossimo pacchetto di sanzioni in arrivo, per un controvalore complessivo di 10 miliardi di dollari

La presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen (The Left/Flickr)

Nel nuovo pacchetto di sanzioni contro la Russia che l'Unione europea si appresta a varare, il quinto, figurano anche il bando alle importazioni di carbone e il divieto di approdo per le navi russe o gestite dai russi. Lo ha annunciato la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, nel corso di una conferenza stampa in cui ha presentato quello che costituirà la quinta serie di procedure di embargo per il Paese in guerra con l'Ucraina. Parallelamente e coordinatamente con l'Ue, gli Stati Uniti annunceranno domani nuove sanzioni contro la Russia.

Il pacchetto di sanzioni Ue riguarda la sospensione delle transazioni finanziarie con altre quattro banche russe, il blocco dell'import di carbone (che per l'eurozona vale circa 4 miliardi di euro l'anno) e di alcuni prodotti esportati in Russia, per un valore complessivo di 10 miliardi. Il blocco di gas e petrolio, decisamente più rilevante rispetto al carbone, non è stato valutato.  Si sta valutando invece l'ipotesi di vietare gli approdi in porti europei di navi battenti bandiera russa o gestite da società russe, escludendo, come per altre misure simili, il trasporto di beni di prima necessità come quelli alimentari, agricoli, umanitari ed energetici.

Per quanto riguarda l'importazione di carbone, che colpirà soprattutto il trasporto marittimo, rientrano, ha spiegato von der Leyen, di «specifici divieti di importazione, del valore di 5,5 miliardi di euro, per tagliare il flusso di denaro che finisce alla Russia e ai suoi oligarchi, su prodotti che vanno dal legno al cemento, dai frutti di mare ai liquori. Nel fare questo, chiudiamo anche le falle tra la Russia e la Bielorussia».

-
credito immagine in alto

Tag: russia - economia