|
Porto di Napoli
19 ottobre 2018, Aggiornato alle 10,09
intersped

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Personaggi

Ics: "Lo shipping deve essere economicamente sostenibile per aiutare l'ambiente"

Lo ha detto a Parigi il direttore delle policy dell'associazione, Simon Bennett, nel corso di un seminario promosso dall'Ocse


Il settore dello shipping potrà essere sempre più sostenibile per l'ambiente se sarà, nel contempo, sostenibile dal punto di vista economico per i suoi protagonisti. Lo ha spiegato a Parigi il director of Policy dell'International Chamber of Shipping (Ics), Simon Bennett (nella foto), nel corso del seminario "Crescita verde" promosso dal gruppo di lavoro sulle costruzioni navali riunito nell'ambito dei negoziati commerciali governativi dell'Ocse (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico).

"La sfida perenne che affligge gli armatori è l'eccesso di capacità, aiutato e favorito da sussidi governativi e misure di sostegno che incoraggiano i cantieri navali a produrre navi che superano i requisiti", ha affermato Bennett. "Se i governi sono seriamente intenzionati ad aiutare l'industria della navigazione a fornire gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, l'Ocse deve riavviare gli sforzi per ottenere un accordo globale sull'eliminazione delle misure di distorsione del mercato dalla costruzione navale. Nonostante esista da oltre 50 anni, è deludente che il gruppo di lavoro sulla costruzione navale abbia ancora fatto pochi progressi, con l'ultimo round di negoziati su un nuovo accordo dell'Ocse, sospeso da diversi anni".

Ics ha inoltre illustrato i progressi compiuti per migliorare ulteriormente le prestazioni ambientali del settore marittimo. Per quanto riguarda l'attuazione della convenzione di gestione delle acque di zavorra dell'Onu (Ballast Water Management Convention), Bennett ha affermato che, ove possibile, gli armatori dovrebbero installare solo sistemi di trattamento approvati conformemente alle norme di omologazione riviste più rigorose adottate dall'Imo nel 2016, anche se il loro uso non è ancora obbligatorio, al fine di garantire che sia adatto allo scopo in tutte le condizioni operative in tutto il mondo.

Per quanto riguarda lo zolfo globale nel 2020, Ics ha spiegato che, in collaborazione con altre associazioni armatoriali, sta lavorando a una proposta all'Imo che il trasporto di combustibili non conformi ai bunker dovrebbe essere vietato al fine di garantire una concorrenza leale.

In merito allo sviluppo da parte dell'Imo di una strategia adeguatamente ambiziosa per la riduzione delle emissioni di CO2 da parte del settore marittimo internazionale, Bennett ha ribadito che "la visione di Ics è zero emissioni di CO2 il prima possibile utilizzando combustibili alternativi e nuove tecnologie di propulsione. Ma fintanto che le navi dipendono dai combustibili fossili, gli Stati membri dell'Imo devono essere sia politicamente sia tecnicamente realistici su ciò che può essere realizzato a breve termine se ciò è compatibile con le legittime preoccupazioni delle economie emergenti in merito agli impatti sugli sviluppo sostenibile".