|
Porto di Napoli
24 settembre 2018, Aggiornato alle 17,23
intersped
Informazioni Marittime
Naples Shipping
Armatori

Acque di zavorra, Ics: "Impegniamoci per la riuscita della Convenzione"

Il presidente dell'associazione, Esben Poulsson, sollecita governi e armatori ad assicurare la corretta attuazione delle norme Imo


L'International Chambers of Shipping (Ics) chiede ai protagonisti dell'industria marittima di assicurare la riuscita della Convenzione Imo sulla gestione delle acque di zavorra (Ballast Water Management - Bwm) in vigore da domani 8 settembre 2017.


"L'industria potrà collettivamente aver bisogno di investire circa 100 miliardi di dollari Usa per installare i nuovi sistemi di trattamento delle acque di zavorra che saranno richieste dalla legge. Dobbiamo pertanto ottenere questo diritto", ha affermato il numero uno di Ics, Esben Poulsson.


Poulsson ha invitato gli armatori, i produttori di apparecchiature e i governi a cooperare per assicurare che una corretta attuazione di questo significativo regime di regolamentazione garantisca il massimo vantaggio per l'ambiente.


"Dobbiamo garantire, per quanto possibile, che i sistemi installati sulle navi verranno effettivamente adattati a tutte le condizioni operative conosciute nel mondo. Stiamo pertanto raccomandando alle compagnie di navigazione di rendere chiaro ai produttori di apparecchiature che considereranno solo i sistemi di trattamento che sono stati certificati conformemente agli standard Imo approvati nel 2016, anche se questo non è ancora un requisito obbligatorio".


L'Ics ha accolto con favore l'importante decisione dell'Imo di luglio di adeguare le date di attuazione della Convenzione, affinché le navi esistenti (vale a dire navi costruite prima dell'8 settembre) non dovranno installare sistemi di trattamento fino alla data della loro prima International Oil Pollution Prevention (Iopp), dopo l'8 settembre 2019.


"Riconosciamo l'approccio pragmatico all'attuazione adottata dagli Stati membri dell'Imo che hanno accettato gli argomenti di Ics e di altre associazioni di industrie in merito alla poca logica, da un punto di vista ambientale, della richiesta che migliaia di navi siano conformi fino a quando non possono essere dotate di sistemi che sono stati approvati secondo gli standard più rigorosi", ha spiegato Poulsson.


"Gli armatori devono sfruttare appieno questo tempo aggiuntivo per identificare e investire in tecnologie molto più robuste a vantaggio dell'ambiente", ha aggiunto il presidente di Ics. "E in considerazione delle significative concessioni che l'Imo ha ora fatto in risposta alle preoccupazioni del settore, le compagnie di navigazione non dovrebbero prevedere un ulteriore rallentamento adel programma di attuazione".


Ics ritiene che, a seguito degli sforzi intensi del settore per spiegare le sue difficoltà di attuazione alle autorità di regolamentazione, gli armatori abbiano ora la chiarezza necessaria per affrontare il lavoro. L'Ics aveva in precedenza dubbi a incoraggiare gli stati di bandiera a ratificare la Convenzione Bwm prima che venissero risolti seri problemi di attuazione. Ma ora che la Convenzione è al punto di entrata in vigore e riconosce le azioni concordate con l'Imo, Ics sta invece incoraggiando tutti gli Stati membri dell'Imo a ratificare il più presto possibile.