|
adsp napoli 1
10 agosto 2022, Aggiornato alle 19,39
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Logistica

Gioia Tauro, via ai lavori per il Posto di controllo frontaliero

Una struttura da 1,5 milioni di euro da realizzare in sei mesi. Effettuerà controlli sanitari e veterinari su alimenti e mangimi destinati agli animali

(Bennilover/Flickr)

Per mantenere positive le performance del porto di Gioia Tauro si punta, anche, all'efficienza dei suoi servizi interni. Sono iniziati oggi i lavori per la realizzazione di un Posto di controllo frontaliero (PCF), con inclusi il punto di entrata designato e il punto designato per l'importazione. 

Per un valore complessivo di 1,5 milioni di euro, i lavori sono stati aggiudicati dalla ditta F.M.B. Tubes, (capo gruppo di un consorzio) che dovrà completare entro sei mesi. Il PCF attua il Regolamento Ue 2017/625, relativo ai controlli sugli alimenti e sui mangimi, alle norme nazionali sulla salute e sul benessere degli animali nonché ai regolamenti sulle ispezioni dei prodotti fitosanitari. L'attività di controllo sanitario sugli animali e sulle merci alimentari, in ingresso nel territorio dell'Unione europea, viene affidata al servizio sanitario dei singoli Stati membri. Ovviamente per l'Italia se ne occupa il ministero della Salute. Nel caso di Gioia Tauro, considerata la centralità dello scalo nel circuito dei traffici internazionali e la natura delle merci in transito, il presidio della salute pubblica sulle merci destinate all'alimentazione e di origine animale competono al servizio veterinario. 

-
credito immagine in alto