|
napoli 2
08 agosto 2020, Aggiornato alle 12,18
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Politiche marittime

Gioia Tauro riparte dall'Agenzia del lavoro

Vertice a Palazzo Chigi. Il 13 luglio l'istituzione dell'Agenzia. Il 20 un accordo di Programma e il primo agosto l'avvio della cassa integrazione 


Un'agenzia del lavoro, la cassa integrazione straordinaria dal primo agosto, infine un Accordo di Programma tra governo, istituzioni locali e parti sociali. Il porto di Gioia Tauro riparte da queste tre soluzioni delineate oggi a Palazzo Chigi, in un vertice coordinato dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti, a cui hanno partecipato il ministro dei Trasporti Graziano Delrio, il viceministro allo Sviluppo Economico Teresa Bellanova, il presidente della Regione Calabria Mario Oliverio, l'amministratore delegato di Invitalia Domenico Arcuri, i rappresentanti del Medcenter Container Terminal (Mct) e i sindacati.

L'agenzia del lavoro servirà alla fornitura di lavoro portuale e alla riqualificazione professionale. Verrà siglata, riferisce il segretario regionale di Ugl Calabria, Ornella Cuzzupi, il 13 luglio sempre a Palazzo Chigi. La cassa integrazione, su richiesta di Mct, se approvata partirà dal primo agosto. Infine, l'Accordo di programma è previsto per il 20 luglio e servirà a monitorare e accelerare le azioni necessarie alla ripresa del porto.

È dal 2010 che lo scalo calabrese soffre una particolare crisi, anno in cui è stata avviata una cassa integrazione a rotazione per i 450 dipendenti di Mct.

«La proposta dell'Agenzia per il lavoro, oltre ai 12 mesi di Cigs già richiesta dall'azienda, avanzata dal ministro, manifesta una nuova particolare attenzione per il comparto del transhipment nazionale e, allo stesso tempo una pragmatica determinazione da parte del governo nazionale e regionale ad accelerare i processi di implementazione delle opere che possono assicurare nuove attività produttive, in grado, nell'arco di un triennio, di garantire la stabilità occupazionale», commenta il segretario generale di Cisl Calabria Paolo Tramonti.