|
napoli 2
04 luglio 2020, Aggiornato alle 15,15
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Armatori

Finnlines archivia primo trimestre con 8,3 milioni di utile netto

Per la compagnia armatoriale del gruppo Grimaldi, il risultato del periodo gennaio-marzo 2016 "è stato in linea con le attese"


La compagnia Finnlines del gruppo armatoriale partenopeo Grimaldi ha archiviato il primo trimestre del 2016 con un utile netto di 8,3 milioni di euro rispetto a 632mila euro del periodo gennaio-marzo del 2015. Al notevole incremento del risultato economico fa da contraltare una riduzione del 10% dei ricavi, che sono scesi a 105,2 milioni di euro. Una flessione, spiega la compagnia finlandese, dovuta principalmente alla diminuzione del bunker surcharge applicato ai carichi trasportati. L'EBITDA è aumentato del 42,9%.

L'analisi 

Secondo il presidente e Ceo di Finnlines, Emanuele Grimaldi, il risultato del primo trimestre di quest'anno è stato in linea con le attese. "Sul corrispondente primo trimestre del 2015 – ha aggiunto Grimaldi – pesava l'immissione in bacino di diverse navi per l'installazione degli scrubber. Quest'anno abbiamo operato con 21 navi e quindi questo primo trimestre, con un servizio ininterrotto per i nostri clienti, ha portato risultati migliori. Inoltre – ha precisato il numero uno di Finnlines – siamo stati in grado di utilizzare il meno costoso Heavy Fuel Oil invece che il Marine Diesel Oil sulle navi equipaggiate con gli scrubber. Anche se ciò non ha contribuito direttamente ai nostri utili in quanto abbiamo trasferito questo beneficio sui nostri clienti attraverso la clausola relativa al bunker, ci ha tuttavia consentito di offrire basse tariffe ai nostri clienti e con ciò possiamo avere una più elevata percentuale di utilizzo della capacità delle nostre navi".

La flotta 

Nel primo trimestre del 2016 la flotta di Finnlines ha trasportato circa 153mila unità di carico (150mila nel periodo gennaio-marzo 2015) 31mila autoveicoli non al seguito dei passeggeri (33mila), 369mila tonnellate di carichi non unitizzati (480mila) e circa 113mila passeggeri (103mila). A gennaio la società armatoriale scandinava ha ricevuto in consegna due navi, la Finncarrier e la Finnmaster, e nuovi scrubber sono stati installati su entrambe le unità che attualmente operano nel'ambito del servizio per il Regno Unito.