|
napoli
22 febbraio 2019, Aggiornato alle 16,38
intersped

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Click&Boat
Infrastrutture

Fincantieri, ottimismo per il controllo di Stx France

Domani il bilaterale Gentiloni-Macron definirà i termini dell'acquisizione dello stabilimento di Saint-Nazaire


Controllo della maggioranza di Stx France nelle sole commesse "civili", ovvero crociere e traghetti, lasciando fuori quelle militari, che andrebbero ridefinite in un secondo momento. Il bilaterale di domani a Lione tra i premier Paolo Gentiloni ed Emmanuel Macron potrebbe portare, interpretando l'ottimismo degli ultimi giorni, a questi accordi finali tra Fincantieri e lo Stato francese per l'acquisizione dello stabilimento di Saint-Nazaire da parte dell'azienda navalmeccanica italiana.

A Fincantieri andrebbe quindi il 51 per cento delle quote di Stx France. Ma tutto dovrà essere annunciato ufficialmente, e definitivamente, domani a Lione. Nei giorni scorsi l'Eliseo ha parlato di «un accordo che converrà alle due parti», Gentiloni di «premesse per arrivare a un accordo che tenga conto dei nostri legittimi interessi e al tempo stesso di quelli della Francia». Anche il ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda, ha parlato di «una soluzione buona per tutti anche in prospettiva europea e credo che ce la faremo». Infine, il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, è «ottimista», «ritengo – continua - che si possa trovare un accordo: ci sono tutti i presupposti affinché Italia e Francia possano lavorare assieme». 

Si va quindi verso la nascita del primo "Airbus dei mari" europeo, com'è stato battezzato, nella forma di un'alleanza italo-francese. Un partenariato navalmeccanico ad uso "civile", con una serie di accordi sul militare ancora tutti da definire.